mercoledì 4 maggio 2016

Amen

Carlo Fidanza, l'inadeguato (imho) attuale commissario e futuro (mah!) DG dell'agenzia del marketing turistico della Liguria, va o rimane?

Va va, eccome se va, ma il tutto dipenderà dalle prossime votazioni comunali di Milano.

Se Parisi (CDX) vince, come da recenti sondaggi, Carlo Fidanza riprenderà il treno (e c'impiegherà sempre un'ora e mezza per fare la breve tratta nonostante il bla bla bla di tempi non molto lontani) e di motivi per pensare ciò, beh; ce ne sono in quantità.


Qui s'è ripetutamente scritto che malgrado l'intenzione di far apparire il Carlo Fidanza come esperto operativo di turismo (ma decché?), di pregresso non ne è mai apparso molto, e nemmeno o almeno quel poco (ved. qui le sue esperienze nel settore).


I motivi:
a) S'è ampiamente dimostrato che quando in quella posizione di DG del marketing turistico hanno inserito per partitocrazia degli inadatti senza pregresso, ecco che le cose sono state catastrofiche.
E di esempi ce ne sono un mucchio che è inutile ripeterli tutti... si teme di fare notte.
Carlo Fidanza è giovane e rischierebbe così di bruciarsi la carriera politica, quindi... Milano. Ed è anche inutile elargire dati sulle presenze turistiche sempre col segno più per attestare la propria bontà lavorativa anche con cifre del + 110% (ved. qui) che già da sole la spiegano tutta... prima o poi anche il più fesso se ne accorge.


b) In tre mesi, e mancano meno di 20 giorni alla presentazione, Carlo Fidanza dovrebbe portare a compimento la riforma dell'agenzia che dovrà poi dirigere, ma è notorio che nemmeno un grande professionista o un team di questi riuscirebbe a produrne una in così breve tempo... e per nuova riforma intendo una che davvero sia produttiva e che ne semplifichi l'ambardan.
Certo, la può anche copincollare da qualche altra parte (cambiando qualche cosina), d'altronde pare siano avvezzi in quell'assessorato a fare il copy and paste, poiché non avendo esperienza e pregresso, ma che cippa ne sanno di Garibaldi e Mazzini... ma se copincollano ce ne accorgeremo in un solo attimo, e sai poi che gran brutta figura?
Quindi nessuna speranza per una riforma ben fatta e probabilmente il Carlo Fidanza l'ha anche capito... forse.


c) Si sarà infine reso conto che lì, in agenzia, di soldi ne muove ben pochi rispetto a Milano. Senza contare che, se non ricordo male, qualsiasi cosa faccia deve passare in giunta regionale dove, entro i 40 gg. (ma, se non ricordo male, c'è una proposta del suo “capo” Gianni Berrino per portarli a 45 gg. giusto per far capire la loro intenzione ad andare di fretta, neh... vabbeh!... e quella proposta sarà poi passata?), hanno titolo a bloccare il tutto e/o a chiedere chiarimenti e dettagli. E qui si fa dura.


d) Per uno che ha fatto il parlamentare europeo, e che era stato trombato alle ultime, fare il DG dell'agenzia è un ripiego... I presume! 


e) Del turismo della Liguria e del turismo in genere, gli frega così tanto?


f) Dulcis in fundo, la sua replica al post (ved. Qui) che lo ipotizzava in partenza per Milano (ved. Immagine sotto) e dove spiega di voler rimanere ma dove per incanto appaiono le parole “AL MOMENTO”... lapsus freudiano?
Credo di sì!



Possibile che uno così non disponga dell'accortezza necessaria per evitare certi possibili malintesi?... ma a pensarci bene può anche essere.


Pertanto, egregi seguaci e adepti di Fratelli d'Italia, alè forza, cominciate a darvi da fare che nel qual caso dovesse vincere Parisi a Milano, ecco che quel posto si libererà di botto... magari si accomiaterà con l'aggiunta di una scusa sullo stile saudade o chissà che... 
E poi chi ci metteranno, e quali assurdi pregressi nel turismo riusciranno ad inventarsi 'sti lì... mentre le varie associazioni si dichiareranno ancora felici e contente, neh! 
Amen!



3 commenti:

vinc ha detto...

Vanno vengono
ogni tanto si fermano
e quando si fermano
sono nere come il corvo
sembra che ti guardano con malocchio

Certe volte sono bianche e corrono
e prendono la forma dell'airone
o della pecora
o di qualche altra bestia
ma questo lo vedono meglio i bambini
che giocano a corrergli dietro per tanti metri

Certe volte ti avvisano con rumore
prima di arrivare
e la terra si trema
e gli animali si stanno zitti
certe volte ti avvisano con rumore

Vengono vanno ritornano
e magari si fermano tanti giorni
che non vedi più il sole e le stelle
e ti sembra di non conoscere più
il posto dove stai

Vanno vengono
per una vera mille sono finte
e si mettono lì tra noi e il cielo
per lasciarci soltanto una voglia di pioggia

Luciano Ardoino ha detto...

Perfetta

:)

sergio cusumano ha detto...

Non avrei il minimo dubbio

;-)