mercoledì 24 luglio 2013

#machiminchialefaquestetraduzioni sul sito dell'Expo 2015 ... ?

A quanto pare l’Expo 2015 di Milano ha già 131 “aderenze”, resta solo da capire se queste siano:

Aderenze addominali
Aderenze pelviche
Aderenze pericardiche
Aderenze peridurali
Aderenze peritendinee

Infatti, cliccando la traduzione in lingua inglese sul sito dell’Expo, ecco che fa bella mostra di se (circa a metà pagina sulla destra) la dicitura, con tanto di immagine multicolore con bandierine, 131 “ADHESIONS”, che in lingua inglese vuole appunto dire quello sopra scritto.


... e considerato che le immagini non "subiscono" la traduzione di Google, detto vuol dire che qualcuno per fare 'sta genialata c'ha dovuto anche impegnare del tempo ... e figuriamoci poi se dell'altri (quelli che s'aggirano sui siti dell'Expo 2015) se ne sono accorti.

Mentre sarebbe stato certamente meglio tradurre le “adesioni” dei Paesi partecipanti con “participants”  o ancora meglio: “participating countries”.

#machiminchialefaquestetraduzioni ... ?


P. S.: E se magari le lingue (traduzioni) del sito fossero anche più di tre … sì, però ben fatte, neh!

... per non parlare poi dei 646 giorni sinistra che appare al centro dell'immagine in testa al sito.







3 commenti:

Jennaro ha detto...

Luciano, nun ce sta niente a fà,

s'è aunito 'o strummolo tiriteppeto e 'a funicella corta...

:-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Jennaro


T'aggio cuntato 'o fatto ... camma a fà

:)


B. C. ha detto...

La Liguria parteciperà con gli assessori Angelo Berlangieri (Turismo) e Gabriele Cascino (Demanio, Pianificazione Territoriale) alla riunione della Commissione interregionale del turismo della conferenza delle Regioni italiane in programma venerdì 26 luglio a Santo Stefano di Sessanio (L’Aquila).
Un confronto, non solo con le altre regioni, sui progetti di eccellenza interregionali, le reti di impresa, fiscalità, Iva, programmi nazionali e programmazione europea 2014-2020, demanio marittimo con finalità turistiche, turismo congressuale e altri punti.
Il turismo, unico settore che registra una crescita della domanda internazionale, anche in tempo di crisi globale, chiede al governo misure urgenti per aiutare le imprese a superare il calo di fatturati del mercato interno e aumentare la competitività.
E dalla Liguria, dove il turismo è la voce più importante dell’economia con 75 milioni di presenze annue e oltre 5,5 miliardi di fatturato e 75 mila addetti, arriva la richiesta di un “pacchetto” di provvedimenti che l’assessore Angelo Berlangieri presenterà al ministro del Turismo Massimo Bray, venerdì 26 luglio 2013, in un incontro con gli assessori di tutte le regioni italiane all’Aquila .
La prima parte del documento – misure fiscali e tributarie- prevede la deducibilità dell’Imu dal reddito d’impresa per gli immobili utilizzati per attività turistico –ricettiva e la previsione di un tetto massimo dello 0.5% del valore dell’aliquota applicabile dai comuni per gli immobili con imprese turistico-ricettive. Deducibilità dal reddito di impresa anche della Tares. Chiesta inoltre, per le imprese turistico-ricettive alberghiere, l’estensione automatica – ex lege – delle riduzioni e delle agevolazioni previste per le imprese industriali e artigianali dalle leggi regionali e dai regolamenti comunali in campo urbanistico, dai costi di costruzione agli oneri di urbanizzazione.
Sul fronte dell’occupazione, per ridurre la “stagionalità” e sostenere le imprese, il documento della Regione Liguria chiede al governo l’introduzione del “contratto di sospensione”. Una tipologia di ammortizzatore sociale che nei momenti di crisi, non superiori ai 4 mesi, preveda una indennità pari a quella di disoccupazione e il mantenimento degli oneri previdenziali e assicurativi per i lavoratori.
Per qualificare le strutture , la Regione Liguria chiede al governo di istituire un fondo nazionale di rotazione con l’utilizzo di una parte di fondi della Cassa Depositi e Prestiti.
turistico – ricettive che presentano progetti di riqualificazione di strutture esistenti o di realizzazione ex novo di strutture ricettive.