mercoledì 30 agosto 2017

Turismo Liguria: ultima regione d'Italia per presenze turistiche?

Noi siamo probabilmente ritardati mentali.
Per anni si è cercato di capire come mai la Liguria avesse un mostruoso deficit di presenze turistiche rispetto al resto d'Italia, ma solo ora siamo riusciti a svelare il mistero.

La spiegazione è peggiore di quanto potessimo immaginare.

I nostri attuali “governanti” (Toti, Cavo, Rixi, Gianni Berrino che è poi l'assessore al turismo... & Co), come del resto i precedenti, ricevono una montagna di denaro per questo settore attraverso la riscossione delle nostre tasse, le più alte d'Europa (sic!), e la butta nel cesso, per usare una espressione elegante.


Giovanni Toti e la sua banda di “non simpatici per nulla” hanno finanziato, assumendoli, una pletora di consociati ai loro partiti (ma è bene ricordare che loro finanziano ma chi paga siamo noi) che sull'argomento turismo non ci capiscono proprio una benemerita mazza.
Qualche esempio?
No, altrimenti faremo notte... ma se li cercate qui nel blog ne trovate a bizzeffe.


Poi usando un linguaggio più burocratico... ma come minchia si fa a dare delle palanche a trombati politici senza pregresso e metterli a comandare un comparto così tecnico come il marketing turistico (?)... evviva, come sono buoni lor “galantuomini”!
Ci sarebbero poi tante altre storie analoghe da raccontare per indignarsi.
Ma sono sufficienti queste, suppongo, per fare il quadro della situazione in cui ci troviamo a causa dei “non simpatici per nulla” seduti in regione Liguria, fottendosene del cosiddetto bene comune. 
Ed ecco perché gli ultimi dati delle presenze turistiche fanno pena da matti e anneghiamo nei passivi di bilancio laddove invece dovremmo andare a gonfie vele.
E il tutto nonostante ci martellino gli zebedei con il loro perenne: “tutto va bene Madama la Marchesa”... nonché accompagnati dalla stampa locale che per chissà quale motivo li agevola pure.

Altro che spending review, qui turisti a gogò a tutto andare... dicono.
Eh già, dicono!
E invece seguitano a scialacquare capitali per red carpet che non servono a nulla e fanno solo del gran casino... oppure per l'ultima Toti & Co. trovata, eccovi le olive taggiasche pubblicizzate al congresso di Comunione e Liberazione che con l'argomento c'entrano come i cavoli a merenda, e pure al costo di 70.000 eurini (settantamila, cazzo! Mica pizza e fichi, neh!) che non li spendi nemmeno nelle fiere turistiche più importanti del mondo.

Ospitare scrocconi e mantenere lazzaroni?
Boh, non dico nulla!
So solo che i dati delle presenze turistiche dei primi 7 mesi dell'anno sono fermi al + 2,43% (quelli di luglio sono usciti oggi che ormai siamo a settembre... e meno male che dicono di darli in tempo reale) e che di questi tempi di vacche (presenze turistiche) grassissime in tutta l'Italia, in tutta l'Europa e in tutto il mondo intero.
Ma cosa ne so!
Ma fare il -4.58% in meno di arrivi e il -2.58% in meno di presenze italiane a luglio in Liguria, in un periodo in cui ci sono notoriamente problemi su svariate destinazioni estere è veramente desolante (cit. Frap1964 nei commenti).
E quanta tristezza, ma triste ben, saperli ancora lì ad amministrarci... e nel mentre loro parlavano e parlano ancora di cifre sul 20/30% in più... per non dire di quelle vicino al + 100% se non oltre.

3 commenti:

frap1964 ha detto...

Fare il -4.58% in meno di arrivi e il -2.58% in meno di presenze italiane a luglio, in un periodo in cui ci sono notoriamente problemi su svariate destinazioni estere è veramente desolante.
Arrivi e presenze straniere in aumento di cifre risibili (+1.41%, +1.56%).
Altro che tappeti rossi... e a proposito ho intravisto ad agosto altri 10k euro a TELENORD per "prodotti editoriali" proprio sul red carpet.
Come se la gente fosse scema del tutto...
La promozione delle olive taggiasche al meeting di CL, poi, non merita alcun commento.
Soprattutto a quelle cifre lì.

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Sì sì, su quei 10.000 ci stiamo informando e s'aspetta il "prodotto editoriale" per vedere di nascosto l'effetto che fa.

Sulle olive taggiasche e sul costo, beh; basti pensare che nelle fiere del turismo internazionali e più importanti del mondo, la spesa è questa di seguito:

MANIFESTAZIONI 2017
Costi stand 4mq in Euro IVA inclusa

Fitur – Madrid 3.123,75
ITB – Berlino 5.355,00
MITT – Mosca 3.570,00
ATM – Dubai 4.016,25
ILTM Asia – Shanghai 5.355,00
ITE – Hong Kong 3.570,00
JATA – Tokyio 4.462,50
IFTM – TOP RESA – Parigi 4.908,75
CITM – Shanghai 3.123,75
WTM – Londra 4.462,50

Come a dire che non hanno di certo risparmiato, ma soprattutto il che cosa c'entrino le olive con un congresso di Comunione e liberazione.
E comunque si comprende benissimo il perché.

E' tutto così triste davvero.

Luciano Ardoino ha detto...

... pardon, ma per la precisione... quei prezzi sopra descritti non sono del 2017 ma del 2016... però cambia ben poco.