giovedì 9 ottobre 2014

Le cose attualmente più importanti da fare nel turismo ricettivo secondo Taleb Rifai, il Segretario Generale dell'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNTWO).

... unire le classificazioni alberghiere con le recensioni!!

Il turismo è uno dei settori economici più dinamici dei nostri tempi, dice Taleb Rifai (ved. qui).
Esso rappresenta il 9% del PIL mondiale e il 30% delle esportazioni dei servizi, mentre una persona su undici lavora in questo settore.

Nel 1950 hanno viaggiato nel mondo solo 25 milioni di persone, mentre attualmente sono1.087 milioni.

Ma al di là di questa crescita esponenziale, è stato l'emergere delle recensioni generate dagli utenti che ha completamente rivoluzionato il processo decisionale del viaggio, mentre la quasi totalità degli aspiranti viaggiatori dipendono ormai dai giudizi degli ospiti che li hanno preceduti.
E questo impatto è particolarmente evidente per i fornitori di alloggi (il ricettivo).

Sia le recensioni degli ospiti che i sistemi di classificazione alberghiera hanno scopi importanti e assolutamente complementari; considerando che è sulla classificazione della struttura che vengono concentrati i criteri oggettivi basati sugli elementi dei servizi ,poiché gli ospiti prestano più attenzione alla percezione della componente relativa appunto al servizio.
Una nostra recente ricerca (UNTWO) ha dimostrato che entrambi sono i più necessari, sia per i consumatori che per l'industria alberghiera, ma personalmente sono interessato a vederne una sinergia ancora più stretta come un unico quadro comune basato sui giudizi degli ospiti.

Inoltre, con l'attività online destinata ad ampliarsi e potenziata dalla crescita dei siti web di viaggi, social media, nonché il fascino e la disponibilità di tecnologie mobili, è imperativo che le offerte alberghiere siano presentate in un modo coerente con le esigenze dei consumatori.
Il turismo è fatto di esperienze.
La mentalità dei consumatori si sta spostando verso la qualità del servizio e delle strutture mentre il settore ha bisogno di essere pronto a soddisfare le esigenze dei consumatori e migliorare costantemente la loro soddisfazione.

Questo rapporto esamina come ridurre ulteriormente il divario tra le aspettative degli ospiti
e le esperienze del ricettivo.
Abbiamo già detto che la classificazione alberghiera e le recensioni avvicinano gli ospiti degli hotel
in un modo integrato che comprende elementi soggettivi e requisiti oggettivi sia per i consumatori che per gli alberghi, e prima di effettuare una prenotazione online, i consumatori visitano in media 14 diversi siti legati ai viaggi con circa tre visite per sito, e svolgono nove ricerche legate ai viaggi sui motori di ricerca. 


Le classificazioni ufficiali degli Hotels (intese come stelle) sono spesso utilizzate dai consumatori come un meccanismo nel processo di prenotazione, così pure come i giudizi degli ospiti, per effettuare una selezione tra un gruppo più piccolo di alberghi e attuare di conseguenza la propria scelta.

Anche la maggior parte dei consumatori e degli albergatori sostengono l'idea di una più stretta integrazione tra la classificazione dell'albergo e le recensioni degli ospiti.
Recentemente vi è stato un grande interesse nell'inserire le varie classificazioni alberghiere nei processi nell'era digitale / sociale, e le associazioni come Abu Dhabi, gli hotels e i ristoranti tedeschi e l'Hotellerie Suisse guardano attentamente l'integrazione on-line delle recensioni dei clienti come metodi tradizionali di classificazione alberghiera.

Inoltre la ricerca mostra che il consenso generale tra fornitori e consumatori è che l'integrazione delle recensioni degli ospiti in sistemi di classificazione alberghiera è una buona idea, a condizione che esista una metodologia adeguata e sviluppata.

In poche parole, che le recensioni influiscono sulle sistema delle classificazioni alberghiere; le stelle.
Questo rapporto esamina la fattibilità di incorporare le recensioni degli ospiti con le classificazioni alberghiere (livello stella) su sistemi di vasta scala.
Si propone quindi un approccio integrato in cui i giudizi degli ospiti aggiungeranno una dimensione di qualità alla classificazione dell'albergo.

Tradizionalmente, i sistemi di classificazione alberghiera sono rivolti più che altro ai minimi per l'ottenimento delle stelle o altro, mentre sono da considerare i giudizi degli ospiti per incontrare le aspettative, permettendo così ai giudizi degli ospiti di essere in grado di fornire un controllo di qualità sugli stessi servizi che sono richiesti come parte della classificazione del sistema.


A tal fine, le recensioni dei clienti devono essere aggregate e presentate in parallelo alla struttura della classificazione ufficiale.

Tuttavia, per una più omogenea costruttività è necessario che le recensioni on-line e i sistemi di classificazione debbano essere separati in due categorie: i dati dipartimentali e non dipartimentali.
I dati dipartimentali sono rivolti agli attributi di conoscenza (la professionalità), mentre i dati non-dipartimentali si concentrano sulla qualità, il valore e la pulizia.
Quindi i dati dipartimentali sarebbero utilizzati per garantire la qualità dei servizi che sono necessari per soddisfare gli standard della classificazione, mentre i punteggi provenienti da più provvedimenti relativi al servizio soggettivo (ad esempio punteggi pulizia, valore e servizio) sarebbero utilizzati per elevare potenzialmente un hotel ad una classificazione superiore.
Questo modello integrato ha un ritorno finanziario più positivo.

In sintesi.
L'emergere negli ultimi anni di questa linea di giudizio degli ospiti (le recensioni) ha contestato il ruolo dei sistemi di classificazione alberghiera poiché una è sovente discordante dall'altra.
Mentre entrambi i sistemi, se uniti, possono svolgere un ruolo importante nel garantire la qualità sempre che sia l'offerta dell'alloggio a soddisfare le esigenze dei clienti. 

L'abbinamento dell'offerta e delle aspettative può avere un notevole ritorno positivo, garantendo così una complementarietà tra la classificazione alberghiera e il giudizio degli ospiti.
I sistemi di classificazione e i giudizi online degli ospiti sono temi di grande importanza e interesse per l'alloggio e il settore del turismo in generale.
Quando ben progettato, offrono un riferimento indipendente grande per gli standard e la qualità dei servizi e delle strutture alberghiere, facilitando in tal modo il consumatore nella scelta del loro alloggio. 

Essi forniscono inoltre un quadro di riferimento per i fornitori di alloggi sul mercato, permettendolo di posizionarlo nel miglior modo appropriato e di sfruttare gli investimenti effettuati in base alla qualità della loro offerta di prodotto-servizio.
L'emergere sempre più autorevole della linea dei giudizi degli ospiti, negli ultimi dieci anni
ha sfidato la necessità di avere un sistema omogeneo di classificazione alberghiera secondo questi parametri.

I giudizi degli ospiti forniscono un punto di riferimento per la qualità e la gamma dei servizi che un hotel può offrire. 

Al contrario, i critici sistemi di revisione dei clienti (intese come quelle truffaldine), indicano la difficoltà di verificare la loro autenticità, e la loro mancanza di obiettività.
Nonostante questi problemi, è chiaro che questi sistemi di classificazione del cliente possono svolgere un importante ruolo, e non necessariamente si escludono a vicenda, nella creazione di una comprensione diffusa di qualità tale da offrire soggiorni, soddisfare o addirittura superare le aspettative dei clienti.
L'abbinamento di offerta e le aspettative è un fattore di successo per strutture ricettive, come sostenuto da una ricerca che indica che l'essere ufficialmente classificati in questa maniera, permette di lavorare per migliorare la sosta degli ospiti, e rivedere questi punteggi possono avere un notevole impatto positivo finanziario.

Vi è quindi la necessità di ulteriori ricerche in questa area.
In questo caso, l'UNWTO e il QualityMark della Norvegia hanno realizzato uno studio considerando i modelli per l'integrazione delle recensioni degli ospiti nei sistemi di classificazione al fine di fornire un servizio che soddisfi le esigenze di una clientela più ampia e più esigente.
Un programma di ricerca globale, che coinvolge la ricerca primaria e secondaria è stato intrapreso per soddisfare l'obiettivo del progetto.
Questo ha abbracciato tutti i pubblici essenziali dei consumatori, del settore alberghiero e degli intermediari.
Sulla base dei risultati di questa ricerca, sono emersi due modelli possibili per una più stretta integrazione della classificazione della struttura con i giudizi online degli ospiti che vengono presentati come una stima fatta di impatto finanziario con tale integrazione.

I consumatori utilizzano spesso le stelle dell'albergo come un meccanismo naturale, e con i giudizi degli ospiti usati per fare una selezione.

Riassunto
Qualsiasi discussione del rapporto tra i giudizi e delle opinioni sulla classificazione della struttura
deve essere fondata su una comprensione del comportamento dei consumatori.

Vi è generalmente una correlazione positiva tra la revisione guest rating e le categorie di classificazione (livelli stelle), anche se gli hotels 3 e 4 stelle sembrano avere maggiori possibilità di soddisfare e superare le aspettative rispetto ad altri hotel 5 stelle e quindi il punteggio relativamente alto sul guest reviews.
E nonostante le preoccupazioni circa l'autenticità del commento del cliente, la stragrande maggioranza dei consumatori li reputa utili e più della metà non prenotano un hotel che non ha
nessuna reviews.

I consumatori e gli albergatori sono d'accordo che la classificazione degli hotels è importante
quando si sceglie un albergo, ma le recensioni degli ospiti lo sono ancora di più.
Gli albergatori favorirebbero l'integrazione delle valutazioni del cliente nei sistemi di classificazione ufficiale poiché sarebbe un supporto alla qualità.
Le Classificazioni alberghiere e le recensioni online degli ospiti servono chiaramente diversi scopi, ma sono complementari.

Questo capitolo esamina la correlazione tra la classificazione degli hotels e le recensioni degli ospiti, l'emissione del giudizio dell'autenticità degli ospiti, e se esiste la domanda dei soggetti interessati per una integrazione dei due sistemi.
.
Correlazione tra recensioni Online e i Sistemi di classificazione alberghiera.

Uno dei problemi di integrazione delle recensioni degli ospiti con i sistemi di classificazione è il grado con cui le recensioni sono correlate con i livelli delle stelle.
La tabella 1 presenta una sintesi delle valutazioni degli utenti da TripAdvisor.

Il pannello A della tabella mostra la media voti di TripAdvisor degli hotel e il livello di stelle attraverso otto città.
Le valutazioni di TripAdvisor aumentano coerentemente con l'aumentare dei livelli (stella), ma i numeri sono molto diversi da località a località.
Ad esempio, a New York c'è solo una differenza di 0,35 tra la media dei 2 stelle e dei 5 stelle hotel, mentre tale differenza è quasi due a Sydney.
Il pannello B mostra la percentuale di ogni livello (stella) con TripAdvisor 'Top'.
Tali percentuali favoriscono i 3 e i 4 stelle, molto probabilmente per via della componente 'valore' delle recensioni degli ospiti, vale a dire che gli Hotel con stelle inferiori possono ottenere recensioni migliori rispetto ad altri hotel con stelle più elevate.
E questo non a causa dei servizi, ma piuttosto a causa del valore percepito per il costo (denaro) e le aspettative superiori per quel livello di stella.

Praticamente il potenziale del migliore impatto di ciascuna recensione sugli alberghi con decrescenti livelli di stella.
I consumatori sembrano reagire positivamente, dando recensioni migliori agli hotels 3 e 4 stelle che offrono un valore forte o il servizio migliore, mentre per hotel a 5 stelle, può essere più dificoltoso superare le aspettative dei consumatori.
In generale, indicano che l'impatto potenziale dei giudizi degli ospiti sulla classificazione aumenta al diminuire delle stelle.

L'autenticità delle recensioni.
Una delle preoccupazioni per quanto riguarda i giudizi degli ospiti è la loro autenticità.
La ricerca suggerisce che gli albergatori ottengono degli incentivi nello scrivere delle recensioni positive per i loro alberghi, e ovviamente nello scrivere recensioni negative sulle proprietà concorrenti.
Tuttavia, nonostante la presenza inevitabile delle false recensioni, uno studio di PhoCusWright su TripAdvisor dimostra che il 98% degli intervistati ha trovato su TripAdvisor l'esperienza reale, e che lo consiglierebbe al 95%.
Tra 2.739 visitatori scelti a caso su Tripadvisor, l'87% degli utenti è d'accordo con l'affermazione che tutte le recensioni di TripAdvisor aiutano a prendere le decisioni.
Inoltre, lo studio mostra che il 53% degli intervistati non prenota un hotel che non ha nessun commento degli ospiti sul sito. 

La maggior parte delle agenzie di viaggio online (OTA) accettano solo recensioni di ospiti che hanno acquistato attraverso il loro sito (OTA invia una e-mail dopo il soggiorno per richiedere il feedback dei consumatori sul loro acquisto).
Booking.com, il più grande OTA del mondo, ha oltre 30 milioni di queste recensioni ed. Expedia, attraverso il suo pool combinato di recensioni dei suoi marchi Expedia.com e Hotels.com, ha oltre 20 milioni.
Mentre nel caso di TripAdvisor, che ha oltre 150 milioni di recensioni, il revisore non è tenuto ad aver soggiornato nell'hotel.
Eppure, TripAdvisor è continuamente aggiornando per eliminare le recensioni che ritiene false.
Nessuna recensione sospetta può essere un falso.
Inoltre, la vastità delle opinioni attraverso tutti i fornitori rischia di minimizzare l'impatto delle voci non autentiche.

Sondaggi
La presente relazione contiene i dati primari provenienti dalle indagini condotte attraverso tre potenziali stakeholder: consumatori, albergatori e intermediari terzi (OTA).
Le risposte al sondaggio sono riassunte nelle appendici A, B e C, rispettivamente.
Un sondaggio tra i consumatori facilitato dalla National Authority Tourism Development of Ireland (NTDAI) ha provocato 23.702 risposte da viaggiatori irlandesi.
Un ulteriore 26.000 risposte sono state ricevute da viaggiatori internazionali per un'indagine più breve condotta da Turismo Irlandese.
575 risposte da parte di dirigenti di hotel, manager e direttori generali sono state ricevuti attraverso il centro della Cornell University per Hospitality Research, e 27 interviste telefoniche sono state condotte con le OTA.
Il sondaggio tra i consumatori NTDAI ha dimostrato che dal 65% al 75% degli intervistati considera le classificazioni alberghiere di essere importanti o molto importante nella decisione di acquisto in un albergo.
E una percentuale maggiore (93%) pensa lo stesso delle raccomandazioni da amici, mentre l'84% per il word-of-mouth più anonimo tramite le recensioni on-line degli ospiti.
Un sondaggio Tourism Ireland focalizzato sui viaggiatori internazionali ha prodotto molti risultati simili, con il 75% degli intervistati che indica i sistemi di classificazione importanti o molto importanti, rispetto all'oltre 80% per le recensioni dei clienti.
Come con i consumatori, gli albergatori considerano la classificazione importante o molto importante per il loro stabilimento (75%), ma attribuiscono più significato ai giudizi degli ospiti (97%).
Il sondaggio ha quindi dimostrato che gli albergatori utilizzano le opinioni dei consumatori soprattutto per la gestione della qualità (72%) mentre per le esigenze dei clienti (77%).

I risultati delle OTA mostrano invece un modello diverso.
Queste considerano la classificazione una delle caratteristiche più importanti con i giudizi degli ospiti un po 'meno importanti, e l'integrazione delle recensioni nella classificazione alberghiera solo marginalmente importante, dovuto al loro attuale utilizzo side-by-side di recensioni e classificazioni.
Ma in sostanza, stanno già offrendo una lieve forma di integrazione.
I punti di vista delle categorie delle tre parti interessate sull'integrazione delle recensioni nei sistemi di classificazione sono circa il 75%, e sia i consumatori che gli alberghi indicano che l'integrazione delle recensioni nella classificazione alberghiera è importante o molto importante, ma questo si riduce al 44% per le OTA.
La percentuale bassa delle OTA è comprensibile poiché la fornitura delle opinioni è uno dei loro vantaggi competitivi, infatti le OTA pubblicizzano pesantemente il loro database di qualità.

Diversi paesi si stanno muovendo verso modelli integrati.
Due le opzioni disponibili: piena integrazione e integrazione performance.
Full comparativa implica che l'hotel può spostarsi verso l'alto o verso il basso il livello delle stelle a seconda della sua qualità percepita, come misurato da giudizi degli ospiti, rispetto a quella della sua industria “peers”.
In un modello comparativo delle prestazioni, il punteggio del giudizio degli ospiti viene visualizzato separatamente dalla classificazione dell'albergo, senza integrazione.
L'integrazione delle opinioni dei consumatori nella classificazione non è nuova.
Infatti esistono dei siti di viaggio che lo stanno facendo da oltre dieci anni.
Ad esempio Hotwire.com e Priceline.com che operano principalmente negli Stati Uniti d'America. Questi siti vendono delle camere, non in hotel specifici, ma a classi di hotel in generale per aree.
Ad esempio un hotel 4 stelle a Times Square, New York City.
La figura 4 mostra gli annunci da questi due siti di viaggio per New York City.
Gli annunci mostrano congiuntamente il livello di stelle e le informazioni sulle recensioni, ma non i nomi degli alberghi.
I consumatori, conosceranno il nome specifico dell'hotel solo dopo aver pagato completamente la camera non rimborsabile in anticipo, ma riceve sconti del 50% o più.
L'accuratezza delle informazioni della stella è quindi fondamentale per il successo di questi siti, infatti se i consumatori acquistano un hotel 4 stelle, ma sentono che è davvero un hotel 3 stelle a causa della qualità o servizi, non possono rivisitare il sito di viaggi.
Di conseguenza, per decidere se un hotel dovrebbe essere classificato come un hotel a 3, 4 o 5 stelle, questi siti guardano numerose fonti, tra cui le recensioni on-line degli ospiti.

Modelli
La Norvegia e la Svizzera hanno documentato il giudizio degli ospiti integrandoli nella classificazione alberghiera, e le regioni degli Emirati Arabi Uniti, Germania e Australia sono sulla buona strada per lo sviluppo di piattaforme integrate.
Il modello sviluppato in Norvegia dal QualityMark Norvegia, non è ancora attuato a causa della resistenza da parte dellegrandi catene alberghiere, ed è un esempio di integrazione dal fondo della scala.
D'altra parte, il sistema attualmente in uso in Svizzera, che utilizza Hotelstars Criteri dell'Unione per la sua classificazione ufficiale, comporta invece una presentazione parallela di informazioni aggregate: dal commento del cliente con accanto la classificazione alberghiera tradizionali.

Piena integrazione - il modello QualityMark della Norvegia.
Il modello si basa su delle proposte presentate in Norvegia per integrare completamente la classificazione al sistema di revisione dei clienti.
Questo modello innovativo prevede l'inclusione delle complessive valutazioni dei commenti del cliente per l'hotel come parte dei criteri di valutazione.
Una serie di formule vengono applicate come un condotto per l'inclusione della prospettiva del consumatore nella formale classificazione.

Una componente chiave di questo modello è la taratura del peso assegnato al rating degli ospiti.
La ponderazione assegnata alla valutazione del commento del cliente può essere misurato ottenendo
che il tipo di sistema di classificazione utilizzato e l'importanza relativa dei criteri facoltativi obbligatori vis-à-vis.
In definitiva, i coefficienti vengono dati alle valutazioni come parte del totale dei criteri di classificazione (un mix), e sarebbero a discrezione dell'autorità di classificazione.
Una valutazione statisticamente significante e al di sopra della media, potrebbe portare alla concessione per l'albergo di una classificazione più elevata, a condizione che soddisfi i criteri obbligatori per il grado superiore; il contrario si applica se l'hotel è andato male rispetto alle sue proprietà.

Il modello Svizzera
Il modello si compone di due elementi: la classificazione alberghiera ufficiale utilizzando il sistema dell'Unione europea HotelStar e, visualizzati separatamente, il punteggio medio, partendo da un certo numero di siti in base ai giudizi degli ospiti (rating).
Il punteggio giudizio degli ospiti è additivo alla valutazione della classificazione e vengono visualizzati separatamente senza integrazione.
I due operano individualmente e sono ugualmente illustrati in tutto il materiale di marketing compreso il materiale online.
Il punteggio medio della recensione degli ospiti è derivato attraverso l'utilizzo di una reputazione di gestione / società online (TrustYou).
Questo fornisce una guida aggiuntiva per il consumatore.
Oltre agli elementi oggettivi dell'hotel nell'essere raffigurati dalle stelle assegnate, un premio numerico visualizza gli elementi soggettivi, la qualità della accoglienza, il servizio e il comfort
Si propone di un inserimento granulare delle informazioni del commento del cliente, separati in due categorie: i dati dipartimentali / servizi-base (requisiti) e dati non dipartimentali / relativi al servizio (aspettative) .
Performance attraverso dati dipartimentali e non dipartimentali può essere paragonato a, diciamo, una media di mercato, con prestazioni al di sopra o al di sotto di una soglia predeterminata rendendo l'hotel un candidato per un aumento o una diminuzione del livello di stella.
Molta gestione della reputazione si svolge on-line sulle recensioni dell'ospite.
Il modello integrato proposto non dovrebbe sostituire i giudizi degli ospiti ma piuttosto usarli per migliorare il processo di classificazione.
Se una proprietà sospetta è sotto il range accettabile attraverso alcuni reparti, può essere classificata ad un livello inferiore.
Allo stesso modo se un hotel supera i livelli accettabili (ad esempio, supera il livello superiore attraverso tutti gli spartiti di reparto come nella Tabella 5) dove vengono anche calcolati i punteggi su elementi non-dipartimentali (valore, servizio e pulizia), allora può essere classificato al livello superiore, ammesso che incontri i requisiti minimi relativi alle comodità (e gli spartiti dipartimentali collegati) della classe superiore.

La tabella 6 illustra i potenziali scenari di upgrade / downgrade.
Aggiornamenti possono, per esempio, essere considerati quando gli alberghi hanno punteggi superiori non dipartimentali (pulizia, servizio e valore) e punteggi dipartimentali all'interno o al di sopra.
Gli Hotel potranno essere declassati se i punteggi dipartimentali e non dipartimentali sono al di sotto.

In Nord America, un aggiornamento di classificazione può essere semplice grazie al suo sistema di mezza stella, cioè un 3 stelle può essere riclassificato come un stella 3 e mezzo perché ha i requisiti relativi alle comodità di quel livello.

In media, un aumento di 1% nel punteggio giudizio degli ospiti si traduce in un aumento di 1% in RevPAR.
L'integrazione delle recensioni nella classificazione potrebbe contribuire a ridurre il consumo
e l'incertezza incertezza per quanto riguarda i singoli hotel, dando così agli alberghi con pricing power una classificazione integrata rispetto a quelli senza.
L'ADR regionale può anche essere migliorata in quanto i consumatori sono disposti a pagare
di più per un prodotto che incontrerà le aspettative.
I costi per l'integrazione sono minimi, soprattutto al crescere della dimensione del mercato, e dovrebbero essere rapidamente compensate da un aumento ADR.
Online Recensioni e hotel CLASSIFICAZIONE Sistemi
Impatto della classificazione ufficiale.

Un recente rapporto di ricerca del centro della Cornell University per Hospitality Research che ha analizzato i dati provenienti da tre fonti di dati separate, ha dimostrato l'impatto della reputazione online all'andamento albergo.
Il rapporto, utilizzando i dati di reputazione on-line da ReviewPro e i dati sulle prestazioni albergo di Smith Travel Research, mostra che un miglioramento dell'1% nel punteggio si traduce in un guadagno di circa l'1% dei ricavi per camera disponibile (RevPAR).
La Tabella 8 mostra questi guadagni per le catene con alberghi di lusso vivendo un guadagno del 0,49% (percentuale di guadagno nel punteggio), e un aumento al 1,42% per gli hotels di media scala.

Lo studio Cornell mostra chiaramente l'impatto delle recensioni degli utenti sulle prestazioni di hotels di varie categorie.

Oggi i consumatori cercano molte fonti di informazione durante la loro decisione di prenotazione. Gli ultimi anni hanno visto un'esplosione in user generated recensioni con i consumatori sempre più ad esprimere le opinioni sugli hotels per i loro soggiorni, come anche la ricerca delle opinioni degli altri prima di prenotare alberghi sconosciuti.
Durante la fase di rapida crescita dei giudizi degli ospiti, hotel e consumatori hanno espresso preoccupazioni per l'autenticità delle opinioni; ma con oggi oltre 200 milioni di recensioni attraverso i siti collegati, la saggezza della folla ha fatto in modo che le recensioni potenzialmente fraudolente siano della nane al confronto.
La facilità di accesso alle informazioni richiede un approccio aggiornato per quanto riguarda la classificazione, con il 75% dei consumatori e degli alberghi intervistati i quali indicano che l'integrazione di recensioni nella classificazione è potenzialmente importante. 



E adesso a noi.

L'Italia non dispone di una classificazione alberghiera integrata con le recensioni ma recentemente è stata presentata al MIBACT, nel gruppo dello Sviluppo Digitale del TDLAB (dove attualmente è in atto una 30 ore di diretta web dove tutti possono commentare), la CAdQ (Classificazione Alberghiera di Qualità) e la CRdQ (Classificazione Ricettivo di Qualità).
La prima riguarda il solo settore alberghiero (34.000) mentre la seconda contempla tutto il ricettivo nazionale (circa 130.000).

La CAdQ (brevemente)

In entrambe le classificazioni sono integrate le recensioni attraverso degli algoritmi concatenati che misurano i millesimi che poi serviranno per la misurazione delle stelle alberghiere e che saranno attuabili attraverso il web nel sito dell'Enit o qualsivoglia altro sito.

Pertanto oltre alle stelle appariranno i millesimi ottenuti o persi con delle recensioni favorevoli o non.
Il massimo dei millesimi in dotazione e di 1.000 che ne implicherà il possibile aumento (ad esempio: da 3 a 4) o l'eventuale retrocessione (ad esempio: da 4 a 3).

E' inoltre disponibile un programma di annullamento delle recensioni fasulle (ved. qui) già attestato nell'utilità, e che verrà inglobato sempre nel sito dell'Enit o italia.it per aumentare considerevolmente i contatti (si presume circa 3 o 4 milioni all'anno)

La CAdQ fornirà anche la qualità alberghiera attraverso una serie di domande (una cinquantina) da aggiungere ai minimi alberghieri.

Comunque per maggiori chiarimenti ved. qui.

P. S.: Attualmente non esistono al mondo classificazioni dettagliate così nel rispetto della qualità alberghiera.
La CRdQ non è altro che la stessa cosa ma ideata per tutto il ricettivo in generale.


... e ora vediamo chi è veramente dedito al turismo non solo a bla bla bla ... ma soprattutto chi è arrivato in fondo: "SCEMO CHI LEGGE", da riscrivere a me.














10 commenti:

vinc ha detto...

@Luciano

Ho fatto caso che il tuo programma non è neanche nel forum del Tdlab.

Non l'avevano scritto nel secondo report?

E pensare che questa è la discussione più importante riguardo al turismo del pianeta.


Lo fanno apposta o che cosa?

:-((((((((((((

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Spero che sia il tuo "che cosa" che il farlo "apposta"

:)

sergio cusumano ha detto...

non ci posso credere

ma sono pazzi???????????


La cosa più importante è totalmente assente dal forum del tdlab!!!!
Fatto poi con mesi di ritardo!!!!
:-((

sergio cusumano ha detto...

dimenticavo

SCEMO CHI LEGGE

:-DDD

vinc ha detto...

Anch'io

Scemo chi legge

:-DDDD

sergio cusumano ha detto...

Ho commentato sul sito del tdlab

:-DDDD

Sarò anche di parte ma quello che ho scritto è la pura verità

Gregorio ha detto...

Ho dato una sommaria lettura ai commenti, ma purtroppo non sono molti, ed è un peccato. Sono molto di più qua.
Ho letto finalmente della bozza della nuova classificazione, mi pare ottima nello spirito (anche se ho gia contestato qualcosa sulla privacy). Avrei solo una domandina: il sistema di calcolo/validazione dei millesimi è già pubblico, disponibile in rete o e ancora riservato ai partipanti del tdLab?

Luciano Ardoino ha detto...

@Gregorio

Ciao, no, non è pubblico e nemmeno lo conoscono al TDLAB anche se me l'hanno richiesto.
Per ora il programma è ancora nel cassetto ma credo (spero?) che presto verrà presentato alle associazioni e alle istituzioni.

:)

In Italia purtroppo è così.

:(

Gregorio ha detto...

Lo immaginavo; fare molta attenzione. Siccome il sistema id calcolo (e chi lo controlla e gestisce) vale più della metà dell'intera proposta, non mi meraviglierei per niente di vedere accolta la proposta ma sostituendo il sistema di calcolo con uno leggermente diverso.

Luciano Ardoino ha detto...

@Gregorio

Se lo dici tu ...

:)