domenica 21 aprile 2013

Il Governo del turismo (prima parte di tante altre ... giusto per capire e per farvi capire)



A cosa serva la Struttura per il rilancio dell’immagine Italia non s’è ancora capito, e nonostante ne scriva e segua le sue vicissitudini da qualche anno, continuo ogni volta a capirne di meno.
O forse capisco?
Mah!

Comunque sia, all’atto del Decreto era l’Eugenio Magnani ad essere a capo della Struttura voluta fortemente nel 2008 da Silvio Berlusconi e dalla Michela Brambilla in quel di Via Ferrattella in Roma, ma durante l'estate l’incarico passa a Flavia Coccia (196.771,39 euro all’anno), già in cda ENIT e ISNART.

La Struttura di Missione per il rilancio dell’Immagine dell’Italia è un organismo istituito con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30 settembre 2008, poi con il successivo decreto del 24 giugno 2009 il Presidente ne ha definito composizione e compiti, integrati con ulteriori decreti datati 22 dicembre 2009 e 29 ottobre 2010.

Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 15 dicembre 2011 viene confermata la Struttura di Missione per il Rilancio dell’Immagine dell’Italia.

In poche parole e anche se non serve a una benemerita mazza (opinione strettamente personale ma suffragata dai risultati), i responsabili istituzionali la mantengono sempre a galla.

Poi, quello che questa “struttura” costa alla comunità e ciò che è riuscita a fare, ne è pieno il mio blog,  ma anche questo (Magic Italy blog) non scherza per niente, anzi … ma veniamo all’ultima loro “genialata”, sennò non la finiamo più.

La Struttura per il rilancio dell’immagine dell’Italia, che da questo momento chiamerò “X” (ics) per non perdere tempo e spazio, decide di accettare la proposta del BTO che si chiamerà “Il Governo del Turismo”.


L’idea è (parole di Robert Piattelli del BTO Uducational) di: “Fare una fotografia del "chi fa cosa" a livello centrale: di ognuno dei soggetti (ENIT, Struttura di Missione per il Rilancio dell'Immagine dell'Italia, Dipartimento dell'informazione e dell'Editoria, Grandi Eventi, CONI, Unioncamere, il portale di Destinazione ITALIA.it, Istituti di Cultura Italiana all'Estero, ecc, ecc) scheda descrittiva corredata con documentazione legislativa di riferimento, l'elenco delle attività 2012/2013 (Campagne di Comunicazione, Campagne di Promozione, Eventi, Grandi Eventi, Ricerche, Studi...quando disponibile anche il budget per ognuna delle singole azioni) con tutti i dettagli ricavabili da una ricerca desk e in più un'area ragionata con tutta la documentazione che norma il Governo del Turismo a livello centrale”. 

Quindi e in poche parole, “X” finanzia un'analisi sulla qualità della comunicazione, peraltro teoricamente non destinata al web, a BTO?!?
Mentre l’obiettivo di BTO Educational è quello di “promuovere e sostenere la conoscenza, l’accessibilità, lo studio, il miglioramento, l’evoluzione, la condivisione, l’utilizzo, la diffusione di internet e la creazione di una cultura digitale consapevole, favorendo l’educazione e l’istruzione della collettività ad un utilizzo consapevole di internet” (Articolo 3 dello Statuto di BTO Educational).

Costo dell’operazione 20.000,00 euro che sono sotto la soglia per evitare un bando di gara?

L'importo massimo consentito per l'affidamento diretto di lavori, servizi e forniture in economia è da intendersi pari a 40.000 euro.

Lo ha chiarito il Ministero delle infrastrutture con la circolare 30 ottobre 2012, n. 4536 analizzando il Dpr 207/2010 regolamento attuativo del Codice appalti (Dlgs 163/2006). Il dubbio si era creato perché l'articolo 4, comma 2, lettera m-bis) del Dl 70/2011, convertito in legge
106/2011 aveva modificato il Dlgs 163/2006 innalzando la soglia per l’affidamento diretto da 20.000 a 40.000 euro, mentre il regolamento attuativo (Dpr 207/2010) prevede ancora la soglia di 20.000 euro. Il Ministero ha chiarito che in caso di mancato coordinamento tra norme, ai sensi delle preleggi, la fonte di rango primario (Dlgs 163/2006) prevale su quella di rango secondario (Dpr 207/2010).
Toh, ma guarda un po’!

Da qualche giorno stavo "segretamente studiando" e informandomi della questione che poi è sfociata in un’accesa ma gentile discussione che s’è aperta su di un social (tra cui me medesimo in veste non propriamente gradita ... cosa di cui ormai ho un già un callo grosso così; quindi poco male) la Flavia Coccia dichiarava testuali parole: “Il sito governodelturismo non è stato finanziato dalla struttura di missione” - e poco più in giù nel medesimo commento al lato, che - “Sottolineo che non ho rapporti personali ne politici con le persone che lavorano in BTO”.
Peccato che poco prima Robert Piattelli abbia invece scritto tutto l'opposto e vale a dire che: L'idea è stata sottoposta alla Struttura di Missione per il Rilancio dell'Immagine dell'Italia all'attenzione della D.ssa Flavia Coccia che ha ritenuto interessante dotarsi di questo strumento di analisi "fotografia" e ha dato un contributo a BTO Educational di € 20.000 + iva. 

Che siano degli errori di gioventù?

Ma vediamo se la Dott.ssa Coccia ha qualche conoscenza nel BTO (rapporti politici o personali) come invece lei dichiara di non avere.

Vicino al marchio di BTO educatinal vedo questa SL&A e faccio click … appare questo.
Leggo di questo Stefano Landi (sarà lui o non è lui?) e comunque nel dubbio cerco su Linkedin … appare questo.
Leggo di questa AITR e … arrivo qui.
Cerco l’organigramma e … an vedi chi ti ci trovo nel Consiglio direttivo?

Stefano Landi  (sarà il medesimo oppure no?) (sotto Responsabiltà, competenze, incarichi), mentre ancora un pochettino più in giù, nel Comitato Scientifico, lei, la Dott.ssa Flavia Coccia.

Niente di male per carità, ci mancherebbe anche d’altro, e che questi non siano rapporti politici è appurato, ma diamine, è anche chiaro che di collaborazioni lavorative ce ne siano già state, o no?

Portandomi a pensare che i rapporti lavorativi non siano assolutamente da inserire con quelli personali, anche se sul lavoro si creano ovviamente tante amicizie, e ... mah?

E poi quella stessa SL&A dove la signora Flavia Coccia dove dal 1988 al 1993 ... (ved. immagine a lato) ... o forse è un'altra SL&A?

Ah, dimenticavo di dire che entrambi appaiono come speaker prestigiosi nella medesima pagina web (chissà se si saranno mai incontrati) ... e chissà se ce ne sono degli altri?!?
Vedremo!

Va beh, mettiamola così, un altro errore di gioventù!

Alla prossima puntata dove tratterò di questa cosetta, appunto riferita al governodelturismo.it, dove Robert Piattelli, o che per il quale, scrive ...


 In sostanza, non prendere il tutto come oro colato, un pò di prudenza …
 Cioè ... ci pagano ... ma forse scriviamo un po' di str … anezze, neh, prudenza!


P. S.: Qui qualcosa di più e anche bene

... e poi su questa "cosa" è meglio arrivarci poco per volta. 




40 commenti:

sergio cusumano ha detto...

Giusto!

Poco alla volta non fa male


:-D

Jennaro ha detto...

@Luciano

In merito all'ultimo link su: "L'Italia che gli italiani non conoscono" i cui video sono stati resi "privati", perciò non accessibili, mi è bastato fare una piccola ricerca su Youtube con quell'antipatica "chiave di ricerca" che ci vuole tutti ignoranti, per trovare, per esempio, il video "foreste millenarie" che è davvero una vergogna...

:-)

B. C. ha detto...

Eh già, il sito governodelturismo non è stato finanziato dalla struttura di missione.

Sanno quello che scrivono o vanno a dettatura?

:-(

vinc ha detto...

@Luciano

In merito all'argomento ho letto questo ma credo che sia più che altro una questione personale.
Ma non è lo stesso che ti aveva fatto quell'intervista e dove diceva che tu hai un "mugugno" troppo diretto e duro?
E lui cosa fa, non fa la stessa cosa?

Aaaahhhh, ho capito!!!
Quando ti tocca direttamente, allora si può, mentre se la cosa tocca gli altri, in questo caso NO.

http://albertocorrera.blogspot.it/2013/04/governodelturismoit-la-tempesta.html

Luciano Ardoino ha detto...

Ci vuole pazienza caro Vincenzo,
non tutti si preoccupano veramente per gli altri, anzi ...

:)


frap1964 ha detto...

Si legge, sul sito, a fondo pagina:
GovernodelTurismo.it è un progetto promosso dalla Struttura di Missione per il rilancio dell'Immagine dell'Italia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, gestito da BTO Educational con il contributo scientifico di SL&A.
La F.Coccia, coordinatore di X, dice che lei ha commissionato un'analisi sulla qualità della comunicazione turistica, non un sito.
BTO Edu scrive che il progetto E' il sito.
Ma non potrebbero mettersi d'accordo, magari?
Poi io aspetto di vedere il progetto completato per capire in che cosa consisterebbe il "contributo scientifico" di SL&A, perché sino ad ora di scientifico non si è vista una benemerita cippa.
E voglio sperare che il risultato dell'analisi sia stato dunque pubblicato in un documento che abbia i crismi minimi necessari per definirsi "scientifico". O no?
Infine non risulta dallo statuto di BTO Edu che tra le finalità ci sia quella di occuparsi di comunicazione e tantomeno di comunicazione istituzionale.
Ma allora perché se ne occupano?

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Una mezza idea l'avrei del perché, ma come nelle belle "favole" aspettiamo la fine per vedere se vissero veramente felici e contenti.

:)

Davide ha detto...

ecco perchè alcuni giorni orsono non capivo. Come sempre del resto. http://www.ilmiomarketing.com/web-e-turismo/governo-del-turismo-new-entry/

frap1964 ha detto...

Comunque l'idea di costituire un organismo di monitoraggio indipendente che si finanzi con il contributo di uno degli organismi potenzialmente sotto controllo, secondo me, è una vera genialata che la dice parecchio lunga sulla serietà di tutta l'operazione.
---
Detto questo va riconosciuto però che in BTO Edu, ultimamente, vanno davvero come treni.
Prima un memorabile cortometraggio per il BTO 2012 in perfetta coerenza con la critica costante sulla qualità della comunicazione istituzionale (cecchino miope & C.).
Perché in fatto di comunicazione, diciamolo, si vede subito che l'esperienza c'è.
Ora invece, per allinearsi al meglio con la storia del portalone turistico nazionale, vanno online con una cosa ancora non finita, scelgono pure un titolo che genera (ovviamente) confusione e poi fanno allegramente marcia indietro una volta successo il patatrac.
Ma giusto per analizzare con metodo scientifico la qualità della comunicazione istituzionale e migliorare la reputazione online di BTO Edu, sia chiaro.
Mi pare che sull'online reputation management vadano parecchio forte: fossi in loro ci scriverei anche un libro. ;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

In Italia siamo abbastanza collaudati sul fatto che chi controlla è il controllato.

E un prossimo era appunto per evidenziare 'sta "cosetta" qua.
Anzi, il prossimo!

:)


Luciano Ardoino ha detto...

@Davide

Si, avevo letto il tuo e non ti ho detto niente, solo su fb, perché avevamo già notato delle cose non troppo chiare.
Ma credo che ne verranno a galla dell'altre.
Se solo potessero lor signori delucidarci, ma non credo proprio che lo faranno mai con questo blog.
Difficile raccontarcela ???

Mah!



Francesco Pedroni ha detto...

Sono letteralmente senza parole.

Questi del BTO hanno così tanto potere?

Luciano Ardoino ha detto...

@Francesco

Abbastanza, ma in questo caso credo che l'interesse sia stato reciproco.

frap1964 ha detto...

Avrei una domandina un po' oziosa.
Se avessi una pagina facebook personale e tra i miei amici figurassero tutti e tre i founder di BTO Edu + il curatore del blog di BTO Edu, potrei poi affermare, senza tema di smentita, di non avere rapporti personali con le persone che lavorano in BTO?
Se tra gli amici su FB comparisse pure il regista di una delle campagne promozionali da me finanziate in qualità di coordinatore di X, potrei poi sostenere di intrattenere con lui solamente rapporti di tipo professionale?
Così, per sapere, perché io FB non lo bazzico mica tanto, eh... non so come siano gli usi e costumi, da quelle parti.

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Ma tu guarda un po'.
E chissà se si mettono i "mi piace" tra loro?!?

Va beh, non vorrà dire un granché ma a volte mi capita di notare qualcuno che scrive: "Me ne vado a dormire" oppure "domani mangio pasta e fagioli" o qualcosa del genere, ed ecco che in un solo secondo gli arrivano tanti di quei "mi piace" da lasciarmi di stucco. E quando vado col mouse per vedere i nominativi di quelli che hanno pigiato (cosa ci posso fare se mi ci diverto un sacco) mi spiego tanti perché in Italia c'è questa situazione.

Luciano Ardoino ha detto...

@Tutti

Ma di "Osservatori" non ce ne sono già un quantitativo industriale?

Mica per niente.
A che cippa serve un'altro.
E non sarebbe come s'io andassi magari dall'Enit e Fai così: vai pure tu da ENIT e chiedessi un contributo per continuare a tenere il mio blog e fargli la lista di tutte le cavolate che vanno facendo di giorno in giorno.
Poi già che ci sono me ne vado pure dalla Coccia e chiedo soldi anche a lei per fare la medesima cosa.

Beh, la lista sarebbe anche più lunga di questi due soli considerato che "a gratis" lo faccio da anni.
Ch'io abbia una fonte di guadagno che non sapevo di avere?

sergio cusumano ha detto...

@Luciano

Non credo che possano accettare di pagarti per poi essere criticati.

Sarebbe più logico l'opposto.

frap1964 ha detto...

Io non ci trovo nulla di male nel fatto che un'associazione chieda un contributo per un'attività che in qualche modo abbia anche finalità pubblica, se questa ha un senso.
Il punto è che in questo caso il senso non si capisce proprio: fare una ricerca sui siti istituzionali di vari enti e mettere i relativi materiali in un solo sito, privato, con un cut&paste e qualche minimo testo. Ma dov'è il valore aggiunto della cosa se poi si dichiara pure che non ci sarà alcun giudizio e/o alcun confronto?
E' esattamente quello che si vorrebbe, invece.
Un'analisi seria, fatta con metodo, che rilevi i problemi sul piano della comunicazione, dell'efficacia del messaggio, del target scelto, di quello raggiunto, ecc. ecc.
Il punto è che per fare questo genere di cose ci vuole LA COMPETENZA, che nasce evidentemente solo dal lavorare e/o dall'aver lavorato nel settore.
E dall'aver fatto studi specifici.
In BTO Edu c'è gente con questo skill, per caso?

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Eccome no.

L'esperienza ce l'hanno soprattutto nella qualità dell'accoglienza.

Ma a quanto ricordo dalle loro risposte alle mie critiche (ved. ultimo BTO dov'ero presente), non è che la cosa sia ritenuta molto importante.
Per loro è importante solo se ne parli bene, altrimenti sei tu che non capisci una benemerita mazza.
E questo anche se ti chiedono di giudicare le cose ben fatte e quelle no.

Eccome no!

:)

frap1964 ha detto...

Magari però in SL&A la competenza invece ce l'hanno e magari il coordinatore di X lo sa perché li conosce anche bene.
Potrebbe essere no?

Luciano Ardoino ha detto...

Infatti:

Dal: 1993 Al: 1988
Amministrazione: ENTE PRIVATO
Dipartimento/Ufficio/Servizio/Altro: S.L. & A.- Società di consulenza turistica
Denominazione incarico: Ricercatrice
Note: Studio comparato delle pubblicità di operatori turistici (alberghi, vettori, tour operator, ed enti di promozione turistica italiani e stranieri) per S.L. & A. - APT del Trentino nell’ambito dell’Osservatorio turistico del Trentino, in collaborazione con lo Studio Giancarlo Dall’Ara. Analisi di mercato e fattibilità per una sede congressuale nell’Alto Lazio. Stesura del capitolo “Il settore congressuale italiano: una congiuntura difficile” nel Quinto Rapporto sul Turismo Italiano - Min.turism

frap1964 ha detto...

Ooops, ora sì capisco meglio il titolo del post... ;-)

Anonimo ha detto...

@Luciano Ardoino

Tu sei una cosa grande grande grande

:-DDD

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Eccome la conoscono

:)

frap1964 ha detto...

Stavo leggendo questa cosa, sempre commissionata da X, che mi pare anche molto ben fatta e che secondo il Governo del Turismo è sempre in agenda 2013 ed è costata € 14.728,00 + iva.
Sempre sotto soglia.
Il documento è curato da SL&A
Responsabile Michela Valentini
Coordinatore scientifico
Stefano Landi
Ma penso che si tratti di omonimi, però...

frap1964 ha detto...

Ooops... temo che non siano degli omonimi... ;-)

frap1964 ha detto...

@Luciano
Io però direi di non prendere il tutto come oro colato, un po' di prudenza… ;-)

frap1964 ha detto...

Oooops... c'è qualcosa di nuovo oggi nel sito, anzi... di meno. ;-))

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Eh si

SPA-RI-TO il logo della SL&A

;-)

P.S.: Guardiamo un po' se qualcuno ci darà delle spiegazioni ... a presto

frap1964 ha detto...

Fino a ieri così.
Ora invece così.

Han pure "ripulito" pure tutte le pagine.
Mannaggia alla cache di Google, però... ;-))

frap1964 ha detto...

Ohé BTO, ma così non è molto educational, però...

BTO Educational è un’idea che mette al centro la condivisione della conoscenza, senza compromessi, senza nessuna barriera.

O no? :-D

Robert Piattelli ha detto...

Buongiorno a tutti.

Qui Robert Piattelli [robert@btoeducational.it] che di BTO Educational è uno dei tre co-founders.

Mi occupo personalmente del progetto Governo del Turismo, a tutte le persone che me l'hanno chiesto ho dato tutte le spiegazioni dal punto di vista di BTO Educational.

Allora, quello che è stato intercettato online è un sito in workin progress che troverete, come ho sempre scritto, online verso fine aprile.

Tra la versione beta - per colpa mia andata online e quindi come beta non erano ben spiegate le caratteristiche - e quello che vedrete in linea non ci sarà nessuna variazione di nessun tipo, ma i contenuti messi più chiari e comprensibili, compresi tutti i legami tra la committenza - ovvero dove si ferma il suo contributo - e i partners di quello che diventa dalla messa online un osservatorio targato BTO Educational e che quindi si svincola da "x".

Sono qui a vostra completa disposizione per qualsiasi chiarimento fin da ora, ma forse sarebbe meglio che facciamo tutte le nostre considerazioni quando il progetto sarà online nella versione definitiva.

A quel punto, chiunque potrà farsi la sua opinione ma almeno con tutti gli elementi a disposizione.

Già ora però avete intercettato delle notizie su caratteristiche di alcune campagne di comunicazione, ecco la nostra idea proprio quella di mettere in dettaglio le attività dei vari soggetti preposti a supportare la destinazione Italia a livello centrale.

Crediamo che possa essere utile, tutto qui.

Vista la natura degli interessi di chi frequenta le conversazioni promosse dall'autore di questo blog, magari potrà essere un punto di partenza utile anche per tutti voi.

Questa la mia speranza, sono qui a vostra disposizione

R.

frap1964 ha detto...

Salve Robert, mi scusi ma ero in pausa pranzo.
Un'ora. Seduto (dettagli... lo so).
Io non ho nessuna domanda da fare e concordo sul fatto che sarebbe meglio che facessimo tutte le nostre considerazioni quando il progetto sarà online nella versione definitiva.
Anche perché io #mifidodiBTO.

Robert Piattelli ha detto...

:)

Grazie per la fiducia, sono sicuro che "non te ne pentirai"

Buon caffè

sergio cusumano ha detto...

@Piattelli

Credo che il suo commento, non solo sia un'offesa ai partecipanti alla discussione, ma anche alla logica.
Scusa Luciano ma non ho saputo tarttenermi anche se so benissimo che sono in casa tua.
Pertanto mi astengo da qualsiasi altra considerazione e aspetto gli eventi.

Luciano Ardoino ha detto...

@Sergio

Stra perdonato, ma non ce n'era nemmeno bisogno.



Luciano Ardoino ha detto...

Come è stra sicuro che il tutto finirà nella classica bolla di sapone.

E vedremo delle dichiarazioni sul tipo: La struttura di missione ha incaricato BTO edu di compiere una analisi e uno studio su quello che veniva comunicato dalle istituzioni del turismo sia in termini promozionali che in termini di comunicazione trasparente e di facile comprensione per il cittadino.
Da questa analisi e' emerso che le istituzioni comunicano male e in modo non trasparente.
Spesso non si sa cosa facciano e i risultati e gli effetti delle loro azioni.
I risultati servivano per comprendere come affrontare una volta per tutti un punto chiave come quello della comunicazione tra istituzioni e operatori e pubblico, nonché scoprire quante azioni siano purtroppo ripetute e sovrapposte da vari enti.

Pardon, ma l'abbiamo già visto questo commento della signora Flavia Coccia.

""Da qui l'idea di BTO di fare un osservatorio su questi temi, per il quale NON sono state destinate risorse pubbliche.""

Pertanto il sito e l'osservatorio NON sono stati finanziati. L'analisi invece sì.

E finirà che leggeremo che è stato BTOEdu ad aver scelto il suo partner autonomamente e che il committente ha incaricato BTO e non altri.
Quindi SL&A non c'entra niente con la signora Flavia Coccia.
E tutti vissero "insieme" felici e contenti come nelle più belle favole del mondo.

Consiglio però di non raccontare queste favole ai bambini prima di metterli a letto, anche perché magari s'incazzano pure e poi non dormono più.

Giusto perché i bambini vanno tutelati e aiutati, neh! ... e per la precisione che male mai non fa.


La stessa (precisione) che metteremo nel verificare il come sono stati spesi 20.000,00 euro, non appena sarà tutto in visione sul web.

P.S.: E chissà quante volte SL&A ha già lavorato con la Struttura di missione e bla bla bla.

:)




Francesco Pedroni ha detto...

Di questa faccenda lo sapevamo già che sarebbe finita in mille bolle.

Troppo facile da capire.



:-D

Luciano Ardoino ha detto...

@Francesco

Eh già, infatti s'era bello che detto in più occasioni.

:)

Anonimo ha detto...

Esemplare