martedì 12 febbraio 2013

Senatore (?) Bernabò Bocca ... ma mi facci il piacere!


"Vengo dal mondo dell'imprenditoria alberghiera, dell'impresa più in generale, e pur non avendo avuto mai tessere di partito ho deciso di scendere in campo perché la crisi ha messo in grande difficoltà il nostro sistema produttivo, che si trova spesso svantaggiato rispetto al resto del mondo. 
E trovo sbagliato arrendersi, mostrare la bandiera bianca di fronte alla crisi, mentre è giusto impegnarsi perché le cose migliorino".
 
Parole di B. Bocca, che annuncia la sua discesa in politica, una persona che "vive di turismo" che conosce il turismo, conosce il settore, uno esperto, insomma.

Confesso la mia ignoranza, io costui lo avevo sentito forse "di striscio".
Sarà perché non appartengo all'alta categoria alberghiera, forse perché mi occupo meno di salotti, banchetti, convention e maggiormente dei miei clienti/ospiti, sarà!

Ma tutto questo chiacchiericcio intorno alla sua figura, che si fa qui mi ha stimolato a cercare notizie su di lui, almeno per capire se questa sorta di "guru del turismo" che si è materializzato lassù in Friuli Venezia Giulia, candidato per il Senato, fosse l'uomo giusto messo al posto giusto.
 
Bene, inizio subito a cercare una sua biografia tra tanto gossip, che aleggia sulla sua figura, finalmente la trovo: "Nato a Torino il 15 ottobre 1963. Residente a Firenze in Via il Prato n. 42 (almeno possiamo bussare a casa sua, se vogliamo dargli dei consigli, no?).
Però c’è chi dice che viva a Londra.

Diploma di maturità classica conseguito a Torino e Master in economia presso la Scuola di Amministrazione Aziendale di Torino (toh, un altro laureato, pronto a salvare la nostra amata Italia!!!). 
Nel 1983 (a soli 20 anni, una persona precoce!!) entra nell'azienda di famiglia, S.I.N.A. Hotels SpA, con il ruolo di Assistente al Presidente; ne diventa Presidente nel 1990.
Sotto la sua gestione la S.I.N.A. Hotels si ingrandisce notevolmente in termini di strutture, fatturato, numero, di fama nazionale ed internazionale (questo è quello che è scritto nella sua biografia, io personalmente non conosco i bilanci aziendali ... ).
 
Nel frattempo assume incarichi pubblici e associativi quali: 
dal 1996 è Presidente della FEDERALBERGHI TOSCANA 
dal 1997 è Presidente della CONFTURISMO TOSCANA
dal 2000 è Presidente Nazionale di FEDERALBERGHI
dal 2000 è Consigliere del CNEL 
dal 2001 è Vice-Presidente di CONFCOMMERCIO
dal 2001 è Socio della Fondazione ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE
dal 2002 è Presidente Nazionale di CONFTURISMO
dal 2004 è Consigliere ISNART 
dal 2004 è Consigliere CONVENTION BUREAU DI FIRENZE
dal 2004 è Consigliere della CAMERA DI COMMERCIO INTERNAZIONALE
dal 2006 fa parte del Consiglio di Amm.ne di AGENZIA NAZIONALE DEL TURISMO
dal 2007 è Presidente CONFCOMMERCIO FIRENZE
dal 2007 è Consigliere Expo-Cts MILANO 

...insomma una persona molto impegnata e chissà se troverà anche il tempo di sedersi in Senato, ma visto quanto gli piacciono le poltrone, beh il tempo credo lo troverà … e dovrebbe essere, visto questo curriculum, anche una persona esperta del settore; uno che a soli 20 anni, invece di fare la classica gavetta, diventa subito assistente di suo padre, Presidente, e che in 11 anni, oltre a far crescere la sua catena alberghiera (immagino, girando parecchio per il mondo ... sai, i contatti, le strategie di mercato etc.) è riuscito anche ad occupare 13 poltrone, tutte di prestigio!

O quest'uomo ha il dono dell'ubiquità o avrà un jet personale supersonico, perché essere presente in tutti questi Consigli d'Amministrazione, seguire le dinamiche di tutte queste associazioni/enti, deve essere arduo se devi anche guidare la "tua" azienda! ma il nostro superuomo, deve avere ancora del tempo libero, e generosamente, lo spende per dare una mano a noi che lavoriamo nel turismo, gettandosi nella mischia politica, per "risolverci" i nostri problemi!
 
Sicuramente conoscerà tutte le dinamiche del turismo, sa quali sono le problematiche che attanagliano le strutture alberghiere ed extra-alberghiere; conoscerà le difficoltà che incontrano le agenzie di viaggi e i T.O., le strutture balneari, i ristoranti, gli agriturismi..sicuramente la sua esperienza lavorativa gli avrà insegnato cosa significa creare dal nulla un'attività turistica, come affrontante il labirintico mondo della burocrazia italiana, trovare finanziamenti per realizzare un'idea imprenditoriale (beh, lui ha risolto il problema sposandosi Benedetta Geronzi, figlia del Presidente di MedioBanca!).
 
Sicuramente lo troveremo a "sporcarsi le mani" nel Turismo vero, incontrando chi con questo lavoro ci lavora, ci campa, e lo fa con passione, tenacia e rabbia.
Avrà organizzato incontri con il mondo turistico, per esporre le sue idee, per ascoltare le nostre problematiche, per rassicurarci che finalmente in politica c'è qualcuno che ci difenderà, difenderà il nostro settore, il nostro lavoro e magari aiutarlo a crescere, ad uscire dalle sabbie mobili in cui si è impantanato da anni, oramai ... avrà ... forse ... se riuscirà a trovare tempo, tra tutti i suoi impegni, per noi, se avrà orecchio per ascoltare e testa per capire, ma questo purtroppo vale per lui come per tutti quelli che siederanno sugli scranni della politica, che dimenticano sempre chi lì ce li ha mandati, e si preoccupano solo di godersi il loro posto al sole!
 
Purtroppo mi fido poco dei "politicanti di professione" così come di chi dalla società civile si erge a salvatore della patria ... forse perché sono semplicemente distratto dai problemi che attanagliano la mia azienda ... forse ...
 
… e i commenti sul web si sprecano a dismisura ma non tanto favorevoli (per niente) a Bernabò Bocca.
 

 Di Raffaele Il Borghetto
 
 

13 commenti:

Jennaro ha detto...

Tra: chiamami Bramby e sarò la tua Tigre, e: con quella Bocca può dire ciò che vuole, torno a dire: cosa si vuole di più dalla vita? Un Luciano!!

:-)

vinc ha detto...

@Jennaro

Adesso mi manda di sicuro a quel paese ma se ci fosse lui le cose andrebbero sicuramente meglio.

vinc ha detto...

Almeno rispondimi che mi fai stare in pensiero

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Ecco, te lo sei già detto ad solo

:)

Luciano Ardoino ha detto...

@Jennaro

Giusto per digerire


:)

B. C. ha detto...

Sarà il ritmo della musica ad accompagnare la Toscana alla Borsa Internazionale del Turismo 2013, che si svolgerà a Milano dal 14 al 17 febbraio, come un anno fa era stato il cinema a fare da filo conduttore per presentare la proposta turistica della nostra regione.

B. C. ha detto...

Il 2013, turisticamente parlando, parte in modo estremamente preoccupante per uno dei pochi settori economici che nonostante tutto continua a produrre giro d’affari ed occupazione”. È quanto afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, alla lettura dei dati relativi al monitoraggio mensile effettuato dalla Federazione. L’inchiesta è stata svolta dal 3 al 7 febbraio, intervistando in modo casuale con metodologia internet 2.322 imprese, distribuite sul territorio nazionale, con margine di errore +/-2,5%. “Al crollo delle presenze alberghiere registrate dagli italiani rispetto al gennaio 2012 -prosegue Bocca – pari ad un -9,6%, che rispecchia chiaramente la crisi dei consumi delle famiglie, si assomma una lieve flessione delle presenze alberghiere degli stranieri pari all’1,1%. Anche peraltro sul fronte dei nostri collaboratori – sottolinea Bocca – si evidenzia un dato in caduta libera del -5,4% a gennaio, rispetto al gennaio 2012, con una flessione del 4,5% per i lavoratori a tempo indeterminato ed una debàcle del -7,0% per i lavoratori a tempo determinato. Mai si era registrato un inizio d’anno così negativo - enfatizza Bocca – che impone subito a tutte le forze politiche in corsa per le imminenti elezioni una seria riflessione e l’indicazione, in maniera più puntuale nei reciproci programmi, di quali misure andranno ad adottare una volta dovessero essere chiamate alla guida del Paese. Da parte nostra – conclude il presidente degli albergatori italiani – riteniamo che le priorità riguardino il varo di iniziative promozionali per garantire maggiori flussi turistici, corsie preferenziali di credito per assicurare quella liquidità indispensabile allo svolgimento dell’attività imprenditoriale e misure specifiche sul mercato del lavoro. Il tutto sotto il coordinamento di un ministero del Turismo con portafogli”.

B. C. ha detto...

@Luciano

È tornato il presidente. Quello che ha guidato la ripresa finanziaria e di immagine del gruppo Alpitour, quello che alla fine di un lungo percorso ha portato l'azienda fuori dal perimetro della famiglia Agnelli.

Daniel John Winteler, dopo aver lasciato la guida di Alpi, non è mai rimasto ai margini, perché è stato più volte avvistato a incontri con le istituzioni e con operatori di mercato. In molti casi il suo nome è stato affiancato ad aziende in ristrutturazione o dove era necessario cambiare comandante. I cacciatori di teste negli ultimi mesi hanno bussato più volte alla sua porta, ma D.J. voleva tornare a masticare il mondo dei viaggi.

Rientra dalla porta principale per guidare la Sagat, in un grande gruppo con interessi su vari scali. Ieri ha messo in chiaro che non si può fare a meno dei vettori low cost. Aspettiamoci qualche intervista interessante e la classica voglia di sorprendere.

Torna in campo uno dei pochi manager capaci di fare la differenza. Una categoria in fase di estinzione.

Jennaro ha detto...

@ Vinc,

Se Luciano ti manda al Paese di Pullecenella, e se me lo consenti:

ti accompagno per ogni vico
solo a te che sei un amico
e ti porto tra i quartieri
dove il Sole non si vede
ma si vede tutto il resto
e si aprono le finestre
e si capisce quanto è bella
la città di Pullecenella.

Mi dispiace solamente
che l'orgoglio di questa gente
si mortifica ogni giorno
per una manica di fetenti
che non hanno una coscienza
che non tengono rispetto.
Come faranno a prendere sonno
quando è sera dentro il letto...

:-( ... :-)

vinc ha detto...

@Jennaro


E adesso come ti rispondo?

Ci penso

:-DDDD

sergio cusumano ha detto...

@Vinc

Minimo due mesi


;-)

sergio cusumano ha detto...

@Vinc

Bhe?

Non rispondi?


vinc ha detto...

@Sergio

Nei valori della mia vita ci sono cose che vengono molto ma molto prima di te.

E poi dovevo e devo pensarci.

;-)