mercoledì 12 ottobre 2011

Non può andare che bene, anzi benissimo

La Four Tourism di Josep Ejarque si aggiudica la gara per i servizi di comunicazione e di promozione del ‘brand Marche’, promossa dal Servizio Internazionalizzazione, Cultura,Turismo e Commercio della regione Marche.
E così, il prossimo anno, i “professoroni” del turismo nostrano s’accorgeranno il cosa vuol dire saper lavorare ... e con dati VERI.
Poche parole, amare il mestiere e camminare (nel senso di lavorare), proprio come piace a ...

10 commenti:

vinc ha detto...

Una gra soddisfazione per te, vero Luciano?


;-)

frap1964 ha detto...

Dopo la mezza frescaccia dello spot con Dustin Hoffman speriamo recuperino... ;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Grandissima soddisfazione, e avrei fortemente gradito che l'incarico avesse privilegiato la mia regione...ma qui sono già tutti campioni del mondo (dicono loro).
Comunque va bene così e il prossimo anno ne vedremo delle belle.
Ricuperare?
Senza dubbio!
Con Josep non c'è sorta di sbaglio, sempre che lo lascino lavorare in pace e non vogliano fare i grandi saccenti con lui ...

:)

Anonimo ha detto...

.........proprio come piace a ... chi?

Luciano Ardoino ha detto...

@Anonimo

... a me!


:)

Gianni ha detto...

Anche a me.


Gianni

Luciano Ardoino ha detto...

Valtur chiede l’ammissione all’amministrazione straordinaria e lega quindi il suo futuro alla legge Marzano. L’attività turistica continuerà normalmente, con le garanzie governative. L’anticipazione è riportata questa mattina dal quotidiano La Stampa e, secondo le indiscrezioni, dovrebbe trovare conferma già oggi.
L’istanza di ammissione alla Legge Marzano sarebbe stata già depositata ed entro questa settimana dovrebbe essere nominato il commissario straordinario. Il piano preliminare di risanamento da attuare nel giro di due anni prevedrebbe la dismissione, per circa 110 milioni di euro, di immobili non strategici a scopo turistico e villaggi che possono essere usati in locazione. Previsto poi un aumento di capitale di circa 50 milioni, sottoscritto dalla famiglia Patti e da nuovi investitori ancora da scegliere. Fra le ulteriori ipotesi, la nascita di una bad company, come nel caso della vecchia Alitalia, dove far confluire le passività e non sarebbe ancora del tutto escluso un futuro intervento di Invitalia, che per ora si è defilata dalla questione adducendo motivi di opportunità.
A fronte del clamore che ha provocato la vicenda nel comparto turistico, e per arginare possibili conseguenze, l’azienda ha fatto sapere che l’attività prosegue normalmente, e che quindi vanno avanti i piani di apertura dei nuovi villaggi previsti a breve scadenza.

sergio cusumano ha detto...

Ola Luciano, quello di salvarli sarebbe il tuo pane [VALTUR]!

Luciano Ardoino ha detto...

Torniamo all'antico del salvataggio resorts?

Mah?

Comunque appena sarà nominato il commissario straordinario due righe gliele scrivo.

:-)

Anonimo ha detto...

E alla fine ci metteranno qualcuno che farà peggiorare le cose e darà la colpa alle circostanze etc etc.

:(