venerdì 28 ottobre 2011

Michele Scandroglio e Roberto Cassinelli dicono che Claudio Scajola non tradirà mai Berlusconi, però ...

Leggo oggi su Il Giornale un piccolo ma molto piccolo trafiletto, che sembra l'abbiano messo così in disparte quasi per dire: "speriamo nessuno lo legga.
In questo c'è scritto a firma Michele Scandroglio e Roberto Cassinelli, due deputati genovesi del PDL, che Claudio Scajola non tradirà mai il presidente Berlusconi.
Inoltre che mai e poi mai, a loro modo di vedere le cose, "Esso" (uso il termine petrolifero perchè credo sia un personaggio alquanto "fumino", nel senso che s'accende frequentemente) ha pensato o ha immaginato di allontanarsi da Berlusconi per inseguire chissà quale chimera.

E che tutto quell’ambaradan letto sui media in merito all’eventuale presunto suo tradimento (vox populis vox dei ?), l’abbia fatto perché si è sentito messo in disparte.
In verità (dicono sempre i due), tutto il "bailamme" era dovuto semplicemente alla compilazione di alcuni fogli di carta che il Claudio ha portato sulla scrivania del Premier, e dove si dice sia stato per ore.
Che gliele abbia lette, rilette e poi ri-rilette?
Fogli A4 si presume, dove l’ex ministro dimissionario delle Attività Produttive nonché ex ministro, sempre dimissionario, questa volta dell’Interno … dimissioni di cui è inutile aggiungere altro poiché le causali che l’hanno portato all’auto allontanamento, sono state e le sono tutt’ora, sulla bocca di tutti 

Un distacco o una separazione in cui molti hanno sperato e che alcuni (presumo tanti da quello che odo) se l’augurano ancora, soprattutto nel qual caso questo parziale commiato possa diventare un definitivo addio e perenne … dalla politica attiva.
Comunque sia e comunque vada, in quei fogli A4 (toh, come le ruote motrici "indipendenti") dati al 1° ministro, lo Scajola c'avrebbe scritto (dicono sempre il Cassinelli e lo Scandroglio) alcune righe dopo aver compiuto una analisi politica acuta e di ampio respiro sulla situazione politica nazionale ed internazionale dalla quale sarebbero emersi degli aspetti delicati …
A cui aggiungo io che probabilmente non sono stati scritti per il proprio bene, ma per quello del partito di appartenenza, per la soddisfazione del Governo nonché verosimilmente, per la magnificienza dei cittadini tutti.
Basta crederci e il gioco è fatto!
Non voglio entrare nel merito di alcune “cosette”, tipo la casa che ha “comprato” (parzialmente) a prezzo stracciato in quel di Roma nei pressi del Colosseo.
Chissà quante altre volte è capitata la stessa cosa, chessò al fruttivendolo, al panettiere o al fiorista di mia fiducia, che un benestante si sia presa la briga di metterci del suo (di nascosto, per carità) ... e senza che loro se ne possano rendere conto.
Però la Giustizia indaga (credo) e non sono compiti miei.
E tanto meno vorrei fare delle considerazioni sull’infelice frase pronunciata tempo addietro dall’allora ministro dell’Interno Claudio Scajola subito dopo l’assassinio, a Bologna, di Marco Biagi: “ … era un rompicoglioni che voleva il rinnovo del contratto di consulenza”, poiché già da sola, basta e c’avanza.

Frase detta forse e perché lo Scajola non ha mai “privilegiato” nessuno di qualche nuovo o eventuale rinnovo di consulenza, oppure chessò, degli incarichi dati a qualcuno?
Però non sono cose di cui m’interesso, anche se ovviamente un’idea personale sul personaggio ce l’ho, ma come detto, son cose mie e non mi va di parlar male della gente.
Tuttavia, checchesenedica, Scajola lo “sgambetto” forse l’ha fatto per quel che ne so (ed è successo nel turismo).
Questa cosa però e probabilmente non è stata rilevata dal duo Cassinelli/Scandroglio, fors'anche perché indaffarati in altre faccende.
Infatti si sa bene che in quei posti ci sia molto da fare e quindi qualcosa può anche scappare.
Alcuni dicono che la pazienza in verità scappa ai cittadini, mentre io non dico niente per il motivo detto sopra.

Lo “sgambetto presunto" è avvenuto pochi giorni fa durante la richiesta di ri-nomina di Matteo Marzotto a presidente dell’Enit presso la X commissione dell’Attività Produttive della Camera dei Deputati.
Nell’occasione la Brambilla dovette annullare in fretta e furia la proposta poiché la maggioranza si trovò improvvisamente in minoranza a causa delle conseguenze dirette della fuoriuscita dei deputati scajoliani Fabio Gava e Giustina Destro.
Il come sia andata lo potete leggere qua; ed essendo la Brambilla una super protetta del 1° ministro, forse inconsapevolmente, queste fuoriuscite “scajoliane” hanno lanciato un chiaro segnale al Premier e ai suoi adepti più vicini.
Forse della serie “mò gli faccio capire quanto lo amo, che non lo tradirò mai e che su di me ci può sempre fare di conto?”.

E vuoi vedere che in quei A4 (a ruote sempre motrici "indipendenti") che lo Scajola ha dato a Berlusconi, e vale a dire in quelli dov’era scritto: “… una analisi politica acuta e di ampio respiro sulla situazione politica nazionale ed internazionale dalla quale sarebbero emersi degli aspetti delicati”, c’era anche elencata ‘sta cosa qui dell’Enit?
E che non facendo votare (dicono) i suoi (Gava e Destro) con questo gli voleva dire che non lo tradirà mai?
Si si, basta crederci.

P.S.: E con questi dove vogliamo andare?

23 commenti:

sergio cusumano ha detto...

La meritocrazia la meritocrazia la meritocrazia ............ e Genova cambia.

Anonimo ha detto...

E così sono cominciate le elezioni comunali del 2012!!!!!

Anonimo ha detto...

A Genova!!

Unopertutti ha detto...

@Ardoino

Se non ho capito male lei spinge Enrico Musso a sindaco di Genova.
Ipotesi scaturita dal perchè nel blog ci sono altri articoli che fanno supporre la teoria.

Luciano Ardoino ha detto...

@unopertutti

Si, certamente!

E questo è dovuto essenzialmente al fatto che avendo un occhio e un pensiero solo ed esclusivamente aziendale (di politica ne capisco poco e forse è anche meglio [in Italia]), è l'unica persona che ho individuato dopo molto pensare e ragionare (per quello che posso) che potrà produrre benessere a questa città e quindi ai cittadini.
Però qui entriamo in un discorso molto ma molto lungo, e se avrà pazienza di continuare a leggermi, qualcosa la scriverò per spiegarne il perchè.
Un buon saluto

Anonimo ha detto...

brambilla sindaco di genova e poi presidente liguria.

a parte gli scherzi, bocca presidente o commissario enit

Anonimo ha detto...

certo che siamo proprio un bel paese.....una maggioranza capeggiata da un personaggio che fa sorridere gli altri capi di governo...messa in bilico da un signorotto che dichiara che non si è accorto che altri pagassero....e ristrutturassero a loro spese la sua casetta con bella vista....

ma questo è un paese normale?

e tu Luciano sei ancora contro i sindacati che scendono in piazza....?

qui è il popolo che dovrebbe scendere tutto nelle strade per far fisicamente tremare i palazzi.....

ma avete visto che facce hanno i rappresentanti politici....?

Luciano, io quelli come il nostro assessore regionale me lo terrei bello stretto invece di deriderlo....ma hai visto cosa c'è intorno?

buona domenica a tutti e che Dio ce la mandi buona

Luciano Ardoino ha detto...

@anonimo

Cavolo, metteteci una sigla sugli anonimi!
:(
Bocca presidente o commissario Enit?
Se sei lo stesso che ha scritto la medesima cosa qualche giorno fa, va bene... è una tua supposizione.
Ma se sei un altro, in questo caso la cosa si fa seria e stà prendendo una brutta piega.
Bocca all'Enit è (pensiero strettamente personale) già troppo che sia nel consiglio, figurati come ci resterei a vederlo addirittura presidente o commissario.
Vabbè che il pres. fa ben poco rispetto al GM, ma che diamine non state a cherzare.
Quì c'è di mezzo una fetta importante del turismo italiano... mica sciocchezze.

Luciano Ardoino ha detto...

@anonimo del secondo commento "anonimo"

Concordo sulla prima parte del pezzo, mentre per quanto riguarda i sindacati, beh; non sono certo più quelli di una volta che pensavano veramente o molto di più, al bene dei lavoratori
Scendere in piazza per spaccare e fare del danno non fa parte del mio credo e mai lo farà.
Penso che ci si dovrebbe unire tutti (dx e sx) e finirla con queste diatribe da un tanto al chilo tra le due correnti politiche.
E da questa unione qualche calcetto (ipotetico, per carità) nel posteriore di tanta gente che "giace" in quelle comodo poltrone, male non farebbe.
Ma non scioperare procurando del danno a chi sta lavorando!
Se poi pensi che non l'ho mai fatto in vita mia ... magari una bella gita a Roma, come detto, tutti insieme e senza far casino.
E se arriva qualche black Macigno o block, a calci (questa volta) nel culo e nel vero senso della parola.
Non si può rovinare la gente che non c'entra niente e ...
Berlangieri?
Beh, devo ancora capire il perchè mi ha chiamato nel suo ufficio per un'ora e quasi mezza per non chiedermi niente e farmi vedere una gentile signora che per tutto il periodo ha manovrato il proprio cellulare.
In verità una cosa l'ha chiesta e vale a dire che sarebbe interessato al mio blog che ha tanti contatti per vedere di ... ecchenesò???
Forse che si voleva fare amico o presunto tale per ovviare a qualche mia nuova scrittura sul suo lavoro?

:) buona domenica

Anonimo ha detto...

vai Luciano, dacci dentro!!!
e com'è finita con i tuoi annunci su italia in brasile...?
sembra che operatori siano ritornati in italia senza aver incontrato nessuno...ossia business "0"...e forse con diplomazia anche inc....
a te l'ultima parola...tu che puoi e sai tutto!
ciao

Luciano Ardoino ha detto...

@anonimo

Forse sbaglio ma credo che tu ne sappia molto più di me.


P.S.: Guarda un pò se puoi metterci almeno una sigla al posto dell'anonimato ... sempre che non ti costi molta fatica, per carità.

P.P.S:

Brasile?

Alcune cose non si possono scrivere su di un blog!
E specialmente quando queste procurerebbero solo del danno al nostro Paese.
Sennò che cavolo di critiche "costruttive" sarebbero.

... e ciao

Anonimo ha detto...

caro Luciano, scusa ma ti sbagli questa volta, io ho solo voci riportate...tu ci parlavi di tuoi amici che live avrebbero fatto riprese varie e ci avrebbero dato qualche chicca....

e poi quale sarebbe questo danno? come per il portalone, per il tour magico...tutto invece serve per danneggiare meno le tasche degli italiani....almeno per il futuro....chi sa, ci informi...ci vorrebbe un altro frap come per i magic tour....che ci illumini anche per le spese...perchè questa volta non sappiamo una m.zz. dei costi? è stato gratuito grazie a sponsor....o gli sponsorizzati sono...boh, e chi ci capisce più...

Luciano Ardoino ha detto...

@Anonimo


Questo è quanto ricevuto dal Brasile ... ed è solo una delle persone contattate per il caso di cui vorresti delle delucidazioni.
Ma involontariamente l'amico "brasiliano" le ha date a me.
Ovviamente ne ometto i dati personali :
... purtroppo , per quanto mi riguarda , ho perso ogni speranza sul futuro dell'Italia e penso che un vero cambiamento potrà aversi solo grazie ad un evento catastrofico . Io , assieme a tanti altri abbiamo dato il nostro contributo andando via dal paese assieme ai nostri figli.
Questa continua e costante fuga di cervelli ed energie fresche raggiungerà prima o poi il punto critico e l'Italia collasserà su se stessa.
A quel punto le cose cominceranno a cambiare . I segnali si vedono già oggi .


In questa ottica criticare l'operato delle attuali istituzioni rendendole consce dei propri errori per migliorarle è uno sforzo inutile e dannoso al processo di demolizione del sistema per almeno due motivi di cui il primo è quello di riconoscerne l'autorità ed il secondo ritardare l'inevitabile crollo .

Ti dico queste cose dopo aver lavorato per anni, come ben sai, a contatto con queste istituzioni come dirigente reponsabile per l'export e la internazionalizzazione di alcune imprese private .


Auguri Luciano, buona fortuna e ti aspettiamo.

Luciano Ardoino ha detto...

@anonimo

Hai fatto caso a quanta gente abbia commentato sul blog di frap1964 in merito al famoso Magic Italy in Tour or Magical Italy on Tour e quante di queste abbiano dato soddisfazione (sottoscritto a parte) a chi s'è fatto un mazzo tanto per raccontare quello che succedeva con i soldi dei cittadini italiani?

Se ne hai voglia facci un giretto sul blog di frap e renditene conto.

Personalmente dal buon frap ho molto da imparare... direttamente e indirettamente. Questo è il classico esempio dell'indirettamente.

Infatti "indirettamente" ho capito che a nessuno frega 'na mazza di quello che l'Enit fa o farà in Brasile.
La gente s'intende più di GF che di 'ste cose.

frap1964 ha detto...

Più che un frap ci vorrebbe un Paese normale in cui tutti questi costi fossero rendicontati in modo trasparente sui siti degli enti rispettivi.
A prescindere da quanti li vogliano poi visionare.

Francesco Pedroni ha detto...

@Luciano


Cosa vuoi dire, che ti fermi?

Hei non scherzare!

:-(

Luciano Ardoino ha detto...

Ho riletto il mio primo commento e probabilmente mi sono spiegato male.

Quella che ho scritto precedentemente è la risposta che ho ricevuto dall'amico in Brasile e che riporto di seguito:


... purtroppo , per quanto mi riguarda , ho perso ogni speranza sul futuro dell'Italia e penso che un vero cambiamento potrà aversi solo grazie ad un evento catastrofico . Io , assieme a tanti altri abbiamo dato il nostro contributo andando via dal paese assieme ai nostri figli.
Questa continua e costante fuga di cervelli ed energie fresche raggiungerà prima o poi il punto critico e l'Italia collasserà su se stessa.
A quel punto le cose cominceranno a cambiare . I segnali si vedono già oggi .


In questa ottica criticare l'operato delle attuali istituzioni rendendole consce dei propri errori per migliorarle è uno sforzo inutile e dannoso al processo di demolizione del sistema per almeno due motivi di cui il primo è quello di riconoscerne l'autorità ed il secondo ritardare l'inevitabile crollo .

Ti dico queste cose dopo aver lavorato per anni, come ben sai, a contatto con queste istituzioni come dirigente reponsabile per l'export e la internazionalizzazione di alcune imprese private .


Auguri Luciano, buona fortuna e ti aspettiamo.

Che altro aggiungere se non che HA RAGIONE?

Luciano Ardoino ha detto...

@Francesco

Nesssuna paura, continuo, anzi raddoppio.

Solo che adesso cambio un pò le cose.

Così non si va da nessuna parte e quindi ...

... a presto!

;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@frap

Ottimo!

In merito ricordi questo?


... Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta e il Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla hanno firmato oggi a Palazzo Vidoni un Protocollo d’intesa (valido fino al 31 dicembre dell’anno prossimo e prorogabile per sei mesi previo accordo tra le parti) per favorire una efficace e tempestiva attuazione della “Riforma Brunetta”. Oltre a sancire una stretta collaborazione per il cambiamento della cultura della performance, della trasparenza e del miglioramento dei servizi nel settore del turismo, il testo sottoscritto prevede che le strutture sottoposte alla vigilanza del Ministero del Turismo adottino progetti mirati a migliorare le proprie performance organizzative per assicurare agli utenti una migliore qualità dei servizi erogati. A partire dal 2010 e in via sperimentale, ciascun progetto (per il quale verrà costituito un comitato tecnico di valutazione monitoraggio) attuerà pertanto i cicli di gestione della performance: definizione degli obiettivi, rilevazione della customer satisfaction, valutazione della performance, organizzazione del personale dipendente.

:(

Luciano Ardoino ha detto...

... inutile dire che fu preso come "cavia" proprio l'Enit e ...


:(

Anonimo ha detto...

...qualcosina ne capisco anch'io di pubblica amministrazione....tutte quelle boiate del ciclo delle performance non sono altro che l'attuazione di disposizioni di legge del piccoletto candidato a primo cittadinoinoino del capoluogo veneto...la trovata del protocollo rientra, a mio modesto modo di vedere, in un'occasione come un'altra per finire sui giornali quando non c'è altro da dire o fare...

per quanto riguarda le sconsolate dichiarazioni che nessuno o pochi si interessano ai fatti o malefatte italiane, o per lo meno non come i reality show...non mi sembra valido argomento per non analizzare quello che sta succedendo negli ultimi anni in questo strano mondo della promozione turistica italiana....né in linea con lo spirito che alimenta i post di questo spazio....anzi, mi sembra che questo blog voglia proprio cogliere al centro di tutti quei fatti...e sennò che ci sta a fare?
non c'è ironia...ma solo simpatia in queste righe nei confronti di moderatore e suoi amici...

come diceva qualcuno più grande di tutti noi...tempo al tempo...meglio scrivere...sempre che si sappia qualcosa di vero ed interessante....quanto meno per poi dire:
l'avevo detto io!!!!

o no? o ci siamo stancati o rotti che dir si voglia di attaccare qualcosa o qualcuno in particolare....se spese ci sono state si tratta di stelle di negroni...milioni di milioni...o no? tanto rumore per il portalone e nulla per altro...uniamo le forze...stingiamoci a coorte, siam pronti alla morte, siam pronti alla morte l'Italia chiamò, sì!!!

la morte...per modo di dire...anzi di inno...

vinc ha detto...

@Anonimo

:)

Condivido!

Luciano Ardoino ha detto...

Eh no, nessuna sconsolata dichiarazione ma solamente una constatazione di fatto.
L’aver omaggiato i lettori sulle discrepanze (evidentissime anche a occhio nudo e profano, turisticamente parlando) dell’indefinibile Magic Italy in Tour che il solo scriverlo mi fa star male; sia per via della traduzione che grida vendetta (ma il Magnani non è stato per anni e anni a N.Y. e in quel di Londra?), come pure per le “atrocità” viste … non ha prodotto una benemerita mazza.
Quindi perché si vuole una replica sul suolo brasiliano?
Lo stesso frap1964 non vedeva l’ora di terminare il “tour”, anche perché tanta soddisfazione (a parte pochi) non l’ha avuta … presumo.
Suvvia, come già detto in un mio precedente commento, indirettamente da frap (ce ne fossero tanti come lui) ho capito che preferisco di gran lunga usare il tempo a disposizione per il blog in altra maniera…e magari aspettare il 30 aprile (questo dice la didascalia sul sito dell’Enit) per “scoprirne” le spese in quel di Mosca e via via nei Paesi Bric.
Grazie per la “simpatia” ma non per il “l’avevo detto”.
Si è vero, a volte ci casco su questa frase, ma quando la uso è per prendermi gioco di chi lo fa quasi come mestiere.
E poi sono quasi tre anni che giornalmente inserisco un post e entro la fine dell’anno dovrei toccare quota 1.000 (hei, non sono pochi). Naturalmente quel numero lo tengo stretto per la Brambilla, non sia mai detto.
E non credo proprio che riuscirà a non darmi l’occasione!
Però se vado a misurare il risultato degli attuali 900 … beh, OK, arrendersi mai!
Ma per tornare al Brasile resto dell’idea che alcune “cosette” sui blogs non si possono dire … se non hai la conferma da fonti autorevolissime.
I video della manifestazione?
Ma non doveva farli fare Paolo Rubini?


... e ciao