martedì 23 marzo 2010

Le statistiche sul “turismo” di Pasqua 2010, quelle che non t’aspetti.






Non passa giorno che a qualcuno non venga in mente di elencare delle statistiche sul turismo a mo di “bischerata”, e anche oggi, neanche ce ne fosse il bisogno, le hanno partorite con la solita gestazione da ratti.
Puntali e balorde.
Verrebbe da chiederci il perché la ministra Brambilla non decida finalmente che a dare i numeri sia permesso un solo ed unico ente, possibilmente non partitocratico, e che quindi abbia la capacità e serietà di non seguire “eventuali” ordini dall’alto.
Forse è chiedere troppo a chi è più abituato a dire che a dare o è meglio che non faccia proprio nulla perchè probabilmente complicherebbe ancor più la faccenda.
Dell’importanza di questi dati (se veritieri) è inutile discutere, ma purtroppo è immaginabile il perché a “loro” convenga così; possono dire quello che meglio l’aggrada, e tira a campà.
E mentre tutti lo sanno, nessuno fa niente; solo qualche accenno qui e là alle assemblee, riunioni e altro dove si ripetono le stesse cose da decenni, dove tutti sono professori delle str…anezze, che sembra sia quasi diventata una censura il solo parlarne.
Ma peggio della censura c’è solo la stupidità, e non si può togliere il “lavoro” a questi statisticomici così sempre disuguali.
Comunque, come ogni mattina, apro i giornali del web sul turismo e….

Il Giornale del turismo
: Isnart, aumentano leggermente rispetto al 2009 i viaggi ad aprile; oltre 6 milioni di italiani, e secondo l’Osservatorio Amadeus e Google Italy, le più gettonate saranno Roma e Venezia.

Turismo e Finanza.it: secondo stime Isnart “come sopra” (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche), nel mese di aprile saranno 9,3 milioni gli italiani (in aumento) che si metteranno in viaggio.

Isnart (Asca): a spingere verso l'ottimismo sono soprattutto i dati Unioncamere-Isnart relativi al prossimo mese di aprile presentati questa mattina in occasione della cerimonia di inaugurazione della 30ma edizione della Borsa Italiana del Turismo: sono piu' di 5,6 milioni gli italiani che hanno già deciso di andare in vacanza entro la fine di aprile, con una predilezione per Trentino Alto Adige e Toscana.

Ma come, tutti e tre nella stessa giornata e da una sola fonte riportano differenti statistiche (5,6 milioni – 6 milioni – 9,3 milioni) ?
Non contento vado a vedermi quelle ricevute lo scorso anno per compararle a questo ottimismo e….

La voglia di vacanza per Pasqua batte la paura della crisi.
Secondo il sondaggio Confesercenti-Swg partiranno circa 22 milioni di italiani (+22% rispetto ai 18 milioni del 2008).

….e questo sarebbe il miglioramento: da 22 milioni a ...quelli là?
Chi avrà detto il vero, chi avrà fatto un buon lavoro, e soprattutto: ma chi li paga?

Vabbè, niente di nuovo, e neanche per i deficienti, e vale a dire quelli che pensano (almeno dovrebbero) e sempre dicono: “perchè prendersela, tanto hanno sempre fatto così”.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Non ti arrendi, eh?
B.C.

Luciano Ardoino ha detto...

Ciao B.. come potrei arrendermi.
Vuoi forse che mi inserisca anch'io nei deficienti?

Plinio il Giovane ha detto...

Secondo il mio personale osservatorio le prenotazioni dall'anno scorso sono in calo, anche vistoso, per Pasqua.
Per quanto riguarda l'estate siamo più o meno sugli stessi numeri ma più verso il meno.
Capisco le uscite delle associazioni e della MVB servono per dare ottimismo ma non è stato fatto nulla.
Plinio

sergio cusumano ha detto...

E gli stessi dati li abbiamo nell'alta Italia (ovest).
Oggi sono stato in contatto con la provincia di Napoli e mi è stato riferito da alcuni albergatori che sono in diminuzione le prenotazioni e se lo dicono loro che l'anno scorso non hanno di certo brillato etc.

sergio cusumano ha detto...

L'ottimismo lo intendo anche io come necessaria fonte per incentivare, ma le balle non portano da nessuna parte.
L'articolo di Luciano evidenzia l'assurdità di certe dichiarazioni che vengono fatte un tanto al chilo.
Succede che allora si perde la fiducia e questo è peggio.

Anonimo ha detto...

50.000 posti di lavoro in due anni.
Questa è l'ultima trovata della Brambilla per il sud.
Nessuno ne parla?

Luciano Ardoino ha detto...

@anonimo

Non ne sapevo niente prima della tua informazione.

Grazie

vinc ha detto...

Il sogno nel cassetto è il rilancio del Sud e la sua ascesa ai più elevati standard di competizione europea. E' il progetto del ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla, che passa anche da un impegno nella formazione: «Il nostro obiettivo è quello di preparare, in un biennio, almeno 50 mila veri posti di lavoro. Per italiani» annuncia Brambilla in un'intervista al Sole 24 Ore,

annasirolo ha detto...

Questi numeri sono ancora diversi .... e regalare un pallottoliere??? da TTG News:
"25/03/2010
Per Pasqua hanno già deciso di partire 7 milioni di italiani (il 14,8 per cento della popolazione), altri 7 milioni attendono il last minute. Il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla ha comunicato oggi i risultati delle rilevazioni effettuate dall'Osservatorio nazionale del turismo nelle scorse settimane sul periodo pasquale. I dati mostrano che oltre 7 milioni di italiani hanno già deciso di partire durante le festività pasquali. Se a questi si aggiungono 7,2 milioni di italiani che non hanno ancora deciso e attendono le occasioni dell'ultimo minuto, la Pasqua 2010 potrebbe superare ampiamente nelle partenze i dati 2009. L'anno scorso erano infatti partiti 6 milioni di italiani. Gli italiani per queste festività resteranno prevalentemente in Italia (69,7 per cento) mentre il 23,6 per cento si recherà all'estero e il 6,7 per cento deve ancora decidere la destinazione. I prodotti turistici preferiti sono in Italia mare (31,2 per cento), città d'arte (27,6) e montagna (25,3); all'estero le capitali culturali (54,3 per cento)."

Luciano Ardoino ha detto...

Gulp!!!