domenica 1 marzo 2009

Finché la barca va...

Il Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo, con il Decreto del 21 ottobre 2008, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’11 febbraio 2009, ha stabilito che la classificazione degli alberghi non sarà più affidata a norme regionali, ma a nuovi parametri nazionali che determineranno il numero di stelle delle strutture ricettive italiane.
Ricordiamo questa parole “la classificazione degli alberghi non sarà più affidata a norme regionali, ma a nuovi parametri nazionali”, più avanti ne capiremo il perché e facciamo un salto all’indietro, vale a dire a quel lontano1983, anno dell’ultima classificazione alberghiera italiana. Da un attento esame scopriremo che, a livello mondiale, solo Burundi, Ghana, Nigeria e il Pakistan hanno leggi di classificazione alberghiera più antiquate, pertanto nazioni come Burkina Faso, Angola, Gabon, Uganda e l’altra totalità degli stati del globo hanno ovviamente leggi più recenti, anzi avevano, perché dall’11 febbraio 2009 tra l’eccitazione generale da parte degli operatori e dei consumatori del settore, il sottosegretario con delega al Turismo, Michela Vittoria Brambilla ridefinisce la classificazione degli alberghi in base alle stelle, entusiasmo che però dura poco, solo il tempo di dare un primo piccolo sguardo. Infatti scorrendo il testo si incontra l’art. 3 che cita: Gli standard minimi di cui al presente provvedimento sono definiti in relazione all'apertura di nuovi alberghi o alla ristrutturazione di quelli esistenti…mentre più avanti…per gli alberghi già esistenti, per i quali e' comunque escluso l'obbligo di adeguamento ai requisiti strutturali (?)(?)(?).
In definitiva si evince che saranno soggetti a questa direttiva solamente gli alberghi nuovi e quelli già ristrutturati (?), da fonte dell’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori di Firenze (ADUC).
Quanti altri alberghi potranno essere costruiti considerando che in base alla popolazione residente siamo la nazione che ha più posti letto del mondo; 1 camera ogni 56 abitanti mentre gli USA, che sono secondi, ne hanno 1 ogni 61 abitanti? O per esempio la Francia che pur disponendo di circa la metà dei nostri alberghi fattura il doppio? Boh, misteri!
Vediamo ora l’art. 6 che riporta testualmente: Al fine di accrescere la competitività promozionale e commerciale internazionale e di garantire il massimo livello di tutela del turista, viene istituito ed introdotto, su base nazionale, un sistema di rating, associabile alle stelle, che consenta la misurazione e la valutazione della qualità del servizio reso ai clienti. A tale sistema aderiscono, su base volontaria, i singoli alberghi. SU BASE VOLONTARIA?


Infine agli art. 7 e 8: Con apposito atto emanato dal Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo d'intesa con le Regioni (?)…in raccordo con le associazioni dei consumatori e di categoria, vengono definiti i parametri di misurazione e valutazione della qualità del servizio turistico nonché individuati i criteri e le modalità per l'attuazione dei precedenti articoli 6 e 7. Ricordate le parole “la classificazione degli alberghi non sarà più affidata a norme regionali, ma a nuovi parametri nazionali”, scritta nell’intestazione del decreto della Gazzetta ufficiale?
Ebbene, adesso non valgono già più. Da pagina 1 a pagina 7 è tutto cambiato, o sbaglio?
Probabilmente si torna indietro e cioè a quando quotidianamente enunciavano di cercare di avere un'offerta univoca e facilmente intelligibile sul territorio nazionale e in linea con le classificazioni simili in altri Paesi d'Europa e del mondo. Dichiaravano che non era possibile, per esempio, che tra un albergo a due stelle di Trapani, ci fosse un abisso rispetto ad altrettante stelle a Rimini o a Bolzano, non solo nella qualità, ma anche nel prezzo.
Si, dichiaravano. La qualità si misura solo con le dimensioni di una stanza o di quanti bagni ci devono essere in un tre stelle?
Avremo così ancora 20 regioni rappresentate alle varie Bit italiane ed estere con la conseguente moltiplicazione per 20 delle spese. Lotte fratricide per accaparrarsi le metrature maggiori nelle varie esposizioni internazionali, e tanto altro di veramente bello e sicuramente produttivo.
A questo punto stavo cestinando il tutto quando lo sguardo mi cade sugli standard minimi dei servizi e delle dotazioni per la classificazione degli alberghi, 12 pagine per tutte le cinque suddivisioni delle famose stelle, quando alla pag. 8…
Alberghi a 4 stelle
Servizio di ricevimento: obbligo 16 ore su 24
Portineria: obbligo Portiere notturno

Mi risulta impossibile pensare che queste 12 pagine scritte, pensate, studiate e discusse per ben 9 mesi da associazioni, istituzioni, federazioni, tecnici, sindacati, esperti, politici, commissioni parlamentari e chi più ne ha più ne metta, visionate da centinaia o addirittura migliaia di occhi, a cui nessuno sia venuto in mente che il portiere notturno, detto anche segretario di ricevimento, e ripeto ricevimento, secondo la UIPA (Unione Italiana Portieri d’Albergo), che come quello diurno, lavora alla reception e quindi bastava mettere: obbligo 24 su 24?
Incuriosito vado a dare un’occhiata alla pagina dopo, la 9 e...

Alberghi a 5 stelle
Servizio di ricevimento: obbligo 24 ore su 24
Portineria: obbligo Portiere notturno


Come volevasi dimostrare; qui per qualcuno (quelli sopra citati) il giorno dura 32 ore (night manager o night auditor, chi sono?); è questa la loro decantata qualità? E' tardi, cestino il tutto definitivamente e buona notte Italia.
Luciano Ardoino
Fonte: http://tuttosbagliatotuttodarifare.blogspot.com/

18 commenti:

Rembrandt ha detto...

Burundi, Burkina Faso, Nigeria...
dove posso trovare questi dati?
Grazie

Rembrandt

Luciano Ardoino ha detto...

http://www.weforum.org/en/initiatives/gcp/Global%20Competitiveness%20Report/index.htm

Ciao

Luciano

vinc ha detto...

Quindi non è cambiato nulla nonostante le fantastiche dichiarazioni della Branbilla e di Bocca?
E' proprio una mozzarella di BUFALA.
Qualcuno intervenga.

Stella di mare ha detto...

E i famosi bisticci delle regioni alla BIT di Milano per avere più centimetri si ripetiranno.

Francesco Pedroni ha detto...

Con l’abrogazione della originaria legge quadro sul turismo (n° 217 del 1983) dovuta all’entrata in vigore della riforma del sitema turistico (o nuova legge quadro n°135 del 2001), la responsabilità sui criteri da adottare per la classificazione alberghiera è stata trasferita alla legislazione regionale. Occorre però specificare che le regioni, non avendo nessun altro riferimento nella nuova legge, si basano ancora sui principi definitori della prima legge quadro per stabilire le varie categorie di strutture ricettive. Questo era prima.
Adesso invece avranno ancor più potere.

Plinio il Giovane ha detto...

Non sono le stelle che fanno il prezzo, ma è il prezzo che fa le stelle. Plinio
poi spiegherò

vinc ha detto...

Ho letto qualche dichiarazione della Bozzano dove il punteggio dei 5 stelle sarà di 80 punti mentre quello dei 4 avrà una richiesta regionale di 50 punti.
Calcolando che la differenza dagli 80 ai 50 è di 30 punti, immagino che se continuano su questa strada, per quelli ad 1 stella sia sufficienti 5 o 6 punti.

Francesco Pedroni ha detto...

Inaudito!

Francesco Pedroni ha detto...

Perchè si complicano sempre la vita?
Non bastava dire che da ...fino ai 79 punti è 4 stelle; oltre 5.
Ma è così difficile?

Stella di mare ha detto...

Forse è per dare maggiore incentivazione ad un 4 stelle per raggiungere la 5a.
Così il gestore conosce quello che lo aspetta e...
Fantastico!
Marina

p.s. Francesco, ma sei così brutto?

Francesco Pedroni ha detto...

E' la fotografia dove sono rimasto meglio.

Fotogenico, no?

Rembrandt ha detto...

Quello che stupisce è che neanche l'opposizione si è accorta di niente.
Sono tutti indaffarati a sentire le infelici uscite di Berlusconi.
Italia, Italia, Italia...dove sei?

Stella di mare ha detto...

In poche parole, se non l'evidenziavamo noi queste anomalie nel decreto, in Italia nessuno se ne accorgeva?

Marina

Rembrandt ha detto...

Tu? Noi?
Stai scherzando vero?

Francesco Pedroni ha detto...

Rembrandt, svegliati!
A Marina ogni tanto piace scherzare e la mette sempre sui suoi meriti, quelli che conosce solo lei .

Certo che questo decreto è una balla enorme ma dubito seriamente che venga ripreso più avanti.

Luciano Ardoino ha detto...

Una piccola premessa; queste elementari considerazioni sono dovute al fatto che da molti lustri siamo sommersi dalla decantata ricerca del rapporto qualità/prezzo, cosa di cui sono assolutamente d’accordo; ma considerato che su quest’ultimo non si può granchè intervenire a causa delle leggi e tasse nazionali, comunali, provinciali e regionali, credo non resti che prestare la massima attenzione possibile al miglioramento della qualità.
Il risultato ottenuto da questo documento però, a personale opinabile giudizio, non ne attesta alcuna possibile miglioria ma un infantile tentativo di nonsisabenechecosa. O forse si sa, comunque…
Gli alberghi hanno notoriamente varie dimensioni, da aree stringate fino a spazi chilometrici ma comunemente le camere occupano circa l’85% della superficie totale; scende invece al 65% per quelli che dispongono di ampie aree esterne mentre la prevalenza delle camere è della tipologia (camera doppia) che occupa una superficie che varia in media dai 16 ai 43 m2 (3*, 4* e 5*); l’ottimizzazione per le altre aree alberghiere, per definire un elevato standard di qualità, dovranno essere proporzionate al numero di camere, in particolare:
hall e aree di ingresso, 1,2 mq per camera;
zona ricezione, 0,3 mq per camera;
zona ufficio principale, 0,5 mq per camera;
area cibo e bevande, 2,5 mq per camera;
aree comuni, 3 mq per camera;
zone per il personale, 1 mq per camera;
zona di servizio e impianti, 2 mq per camera.
Tali dati sono internazionalmente riconosciuti ma di questo negli standard minimi non c’è menzione né tantomeno paragone; infatti le metrature richieste distano notevolmente dai parametri sopra citati. Il decreto appena varato per i parametri atti ad aumentare la qualità delle nuove costruzioni alberghiere portano inoltre ad un’altra considerazione; nel 1997 gli alberghi in Italia erano 33.828 mentre quelli al 2007 sono 34.058, con una differenza di sole 130 unità in 10 anni.
Ma veniamo ad alcune analisi degli standard minimi; come già detto in un precedente post, in questi non vi è alcun richiamo per quanto riguarda l’accesso e lo spostamento dei disabili, si presume e spera che detti vadano probabilmente sotto la responsabilità delle ASL regionali… forse perché i disabili sono differenti da regione a regione?

Luciano Ardoino ha detto...

Negli alberghi 1*
Il servizio di trasporto bagagli dovrà essere assicurato a mezzo carrello
Che utilizzo avrà il carrello quando tra l’ingresso e la reception di questa categoria vi sono al massimo pochissimi metri e non dispongono di ascensore, forse per fare le scale? E’ il carrello il salto di qualità?
Radio nelle camere?
Nonostante queste siano definite metrature standard minime non c’è nessun accenno alle dimensioni della sala ristorante o colazione che però è elencata nel decreto.
Alberghi 3*
Richiesta di almeno una lingua estera
Credo che neanche nello Zinbabwe sia richiesta una sola lingua straniera per un 3*
Aria condizionata Non richiesta.
Alberghi 4*
Servizio di ricevimento assicurato 16 ore su 24 con obbligo portiere notturno
16 ore più il portiere notturno portano il totale a 24 ore su 24; il portiere notturno notoriamente lavora al ricevimento.
Frigo bar nelle camere
Dotazione minima per frigo bar, assente.
Servizio di trasporto bagagli negli orari in cui è garantito il ricevimento
In qualsiasi 4* internazionale il trasporto bagagli viene effettuato sempre, anche dal night manager in caso di disponibilità o necessità.
Richiesta di almeno due lingue estere
Come sopra riferito questa volta al Burkina Faso
Alberghi 5*
Servizio di ricevimento 24 ore su 24 con obbligo portiere notturno
Il servizio di ricevimento di 24 ore su 24 è già inclusivo di portiere notturno; così come descritto portano il totale a 32 ore giornaliere.
Frigo bar nelle camere
Come sopra
Servizio di lavaggio e stiratura biancheria ospiti con consegna in giornata
Solo in caso di lavanderia interna alla residenza si può avere sempre questo servizio altrimenti bisogna edificare in prossimità di lavanderie.
Alberghi 5*L
Non c’è menzione.
Se poi qualcuno volesse ancora approfondire consiglio la lettura della proposta di legge effettuata nel 1997 (dieci anni fa) in merito alla modifica all’articolo 4 del regolamento recante norme per le migliorie igieniche negli alberghi, approvato con regio decreto 24 maggio 1925, n. 1102 (2467). (Parere della VIII e della XI Commissione) per opera di Cascio e Pezzoli.
Nei commenti del post vi è ampia descrizione ad opera di Nicolò (pseudonimo: il violinista) a dimostrazione che queste metrature erano in parte già state definite anche se con casuali diverse; norme per le migliorie igieniche.
Ho inserito di seguito il collegamento con gli standard minimi della Cina che rappresenta l’ultima nazione che si è recentemente affacciata prepotentemente nell’ambito turistico.
A voi il giudizio di differenziazione con la nostra, io non aggiungo altro.
http://www.mapsguides.com/h/china_accommodation_hotels_hostels_apartment_lodge_cheap_en.php
Luciano Ardoino
Fonte: http://tuttosbagliatotuttodarifare.blogspot.com/
P.S.: L’America è un’altra cosa, almeno turisticamente parlando!

Luciano Ardoino ha detto...

stelle alberghi camere letti
5 383 29.436 63.678
4 5.224 343.614 721.776
3 18.038 564.446 1.167.043
2 6.654 113.102 215.138
1 3.612 45.777 85.001
totale 33.911 1.096.375 2.252.636